Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Poderosa Montegranaro vince il derby, Jesi espugnata all'ultimo respiro

E sono quattro. Il derby delle Marche premia ancora una volta la XL EXTRALIGHT®, ma i gialloblu se lo sono dovuti sudare fino all’ultimo secondo contro una Termoforgia Jesi cui va il merito di averci sempre creduto. Anche quando la Poderosa affondava il colpo nel terzo quarto e sembrava poter mettere davvero le mani sul match. La reazione jesina ha tenuto aperta la sfida fino ai secondi finali, ma nel rush finale le zampate di un fantastico Amoroso (21 punti, 14 rimbalzi, 38 di valutazione) hanno messo il sigillo sulla vittoria esterna numero otto su nove match disputati lontano dal PalaSavelli.

I veregrensi sono stati bravi a salire di volume nel secondo tempo, dopo che nel primo le magie di uno scatenato Dillard avevano messo alla frusta la squadra di coach Pancotto. Le magie del folletto americano hanno sparigliato le carte nel cuore del secondo quarto, nel quale la Aurora ha toccato anche il +10 (35-25 al 15’). Nel momento di massima difficoltà, la Poderosa ha iniziato a tirare le viti in difesa, andando all’intervallo lungo sotto solo di 3 (41-38) e girando completamente il match nella ripresa.

Con Amoroso e Simmons (16 punti, 7 rimbalzi, 4 stoppate) a fare i giganti in area, Mastellari a colpire con regolarità dall’arco e Traini a dare brio dalla panchina, la Poderosa scappa via salendo fino al +11 (52-63) e sembra avere il totale controllo del match, anche perché con gli spauracchi Dillard e Jones ammutoliti dall’ermetica difesa gialloblu il più sembra fatto. E invece Jesi trova risorse insperate in Mascolo e Rinaldi ed entra nell’ultimo minuto a strettissimo contatto.

È lo stesso Mascolo a firmare il -2 (76-78) dalla lunetta quando mancano 21” da giocare e ovviamente la Termoforgia non può fare altre che affidarsi al fallo sistematico. Corbett non fallisce, Totè risponde dall’altra parte e allora si va su Traini. Il play gialloblu segna il primo per il 78-81, fallisce il secondo ma a rimbalzo il più lesto di tutti è Amoroso, che tocca il pallone e lo fa schizzare nelle mani di Traini. Il numero 26 subisce di nuovo fallo con 10″ sul cronometro e stavolta fa 0/2. Jesi ha la palla per pareggiare e ovviamente Corbett spende il fallo prima che Jones possa alzarsi per il tiro da 3.

Con 4″ da giocare, l’americano della Termoforgia realizza il primo libero, fallendo di proposito il secondo per cercare il rimbalzo offensivo. Ma più in alto di tutti vola ancora il capitano, che con 2″ sul cronometro subisce il fallo e completa il 2/2 che manda i titoli di coda al match e fa impazzire di gioia gli oltre 300 tifosi arrivati da Montegranaro. La XL EXTRALIGHT® resta al secondo posto affiancata a Treviso, proseguendo la sua incredibile marcia nei piani alti del girone Est. E domenica al PalaSavelli arriva la OraSì Ravenna, altro snodo cruciale nella corsa verso i playoff.

TERMOFORGIA JESI - XL EXTRALIGHT® MONTEGRANARO 79-83

JESI
: Dillard 16, Mentonelli ne, Mascolo 18, Baldasso, Santucci, Rinaldi 16, Valentini ne, Jones 15, Mwananzita ne, Totè 11, Lovisotto 3. All. Cagnazzo

MONTEGRANARO
: Treier, Testa, Mastellari 11, Simmons 16, Palermo 12, Petrovic 4, Negri, Corbett 9, Amoroso 21, Traini 10. All. Pancotto

PARZIALI: 18-17, 23-21, 9-22, 29-23.

Ufficio Stampa Poderoda Pallacanestro Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: