Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Arriva dall'Ecuador la novità della la Virtus Assisi

Un ragazzo dell'Ecuador alla Virtus Assisi. È Juan David Castillo, che grazie ai rapporti di amicizia e professionali tra Raul Cardenas, campione e capitano della nazionale di basket dell'Ecuador, sportivo di fama e simbolo per la propria nazione, e Francesco Calisti, responsabile dell'area tecnica della Virtus Assisi, è sbarcato in Italia, ad Assisi, per seguire il suo sogno di fare un' esperienza sportiva (nel basket) e culturale. Juan David vive e studia ad Assisi, al Convitto Nazionale "Principe di Napoli", frequenta la terza media , segue i corsi di lingua italiana e un percorso di studio specifico rivolto a tutti i ragazzi stranieri.

Un progetto, ancora in fase embrionale, che consiste nel dare la possibilità a ragazzi dell'Ecuador e più in generale del Sud America, di fare esperienze sportive, in questo caso nel basket, e culturali in Italia. Grazie a Raul Cardenas Juan David Flores Castillo sarà soltanto il primo cestista giovane ad Assisi, con la Virtus che spera di portarne altri in Italia dopo la già l'ottima e positiva esperienza del ragazzo. Una collaborazione che ha avuto richiamo internazionale; a Juan David sono stati dedicati vari articoli di stampa anche nella propria nazione di appartenenza.

"Grazie ai compagni di squadra e ai loro genitori, l'integrazione del ragazzo è avvenuta nel migliore dei modi - dice Francesco Calisti - e grazie agli ottimi rapporti con Raul Cardenas, all'inizio di quest'anno abbiamo cercato di capire se ci fosse stata la possibilità di provare questa collaborazione per far fare ai ragazzi sudamericani esperienze culturali e sportive in Italia. Ed ecco che è nata la storia di Castillo. Juan David è un ragazzo molto talentoso, playmaker, che ha un modo di giocare tipico dei sudamericani. Predilige l'estetica e il bello nel basket, noi siamo qui per farlo migliorare ancora. Mi auguro che Castillo sia solo il primo giovane di una lunga serie da accogliere e formare in Italia, ad Assisi e nella nostra società".

"Dal 2016 ho iniziato un bellissimo rapporto di amicizia con coach Francesco Calisti - dice Raul Cardenas raggiunto telefonicamente - sono dell'Ecuador e ho giocato alla Virtus Bastia due anni fa. Sono felice ed orgoglioso di rappresentare un simbolo per la mia nazione, amo il basket e i giovani. Per me è un piacere collaborare con la Virtus Assisi - sottolinea Cardenas - e spero di dare il mio piccolo contributo affinché questa società possa crescere e migliorare sempre di più. Juan David è un ragazzo molto bravo, un 2005 con tanta voglia di fare.

La sua famiglia ha deciso di mandare il ragazzo in Italia per questo importante percorso e dopo tante procedure burocratiche, certamente non facili, siamo riusciti a portare Juan ad Assisi. Ringrazio il Presidente Gianmichele Gnavolini e la società tutta Virtus Assisi per quello che hanno fatto e che fanno ogni giorno per Juan David. Con lui inizia una collaborazione, un ponte fra Assisi e il Sud America. Cercheremo infatti di portare altri ragazzi validi alla Virtus Assisi per aiutare la Virtus ad ottenere prestigiosi risultati, dando una mano a questi ragazzi che lasciano il proprio paese per l'Italia.

A me personalmente - conclude Raul Cardenas - interessa la parte sportiva e formativa, ma tengo moltissimo anche alla parte culturale. I ragazzi che vengono a fare la formazione italiana ad Assisi avranno opportunità alla Virtus di giocare e crescere. Ringrazio oltre alla Virtus Assisi anche il Convitto di Assisi, nella persona del rettore Prof.ssa Annalisa Boni, un istituto accogliente e molto preparato. Spero che il prossimo anno ci saranno anche altri ragazzi sudamericani affiliati a questa importante società".

Ufficio Stampa Virtus Assisi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: