Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Ancora una pesante sconfitta per la Victoria Fermo, la società si muove sul mercato

Ancora battuta d’arresto per la Marcozzi che sul parquet della capolista Pollenza, non riesce mai ad impensierire minimamente i padroni di casa rimediando un sonoro meno 29 al termine dei quaranta minuti. Fin troppo facile per i ragazzi di Luciani che sin dai primi minuti impongono ritmo e aggresività, cose che totalmente mancano ai fermani, che subiscono come un pugile in difficoltà all’angolo. Le rotazioni continue di coach Pasquali, non portano al risultato sperato e cioè di trovare un quintetto in grado di difendere con continuità e non lasciare che la gara già al 15’ sul 30 a 10 si possa considerare dire bella che conclusa.

In attacco per la Marcozzi le percentuali sono deficitarie ma per i padroni di casa basta e avanza, pur non facendo spesso canestro, alla sirena di metà gara sono sul 32 a 17. Il rientro dagli spogliatoi non produce nessun effetto e la gara resta saldamente in mano dei padroni di casa che tranquillamente amministrano una ventina di punti di vantaggio. Gli ultimi dieci minuti, scorrono via senza una benche’ minima reazione dei fermani che vedono il divario crescere a dismisura fino al finale di 74 a 45.

Certo l’avversario di questa sera era proibitivo per la Marcozzi, ma non ci piace assolutamente l’atteggiamento mostrato in campo di diversi giocatori (è bene precisare non tutti) che dopo mezzora di gara già la considerano archiviata. Quando si è sotto di venti punti non si pensa minimamente a cercare di ridurre lo svantaggio pur a partita compromessa e magari chiudere con uno scarto di dimensioni piu’ accettabili; dal meno venti si passa tranquillamente al meno trenta continuando a prendere schiaffi (metaforicamente parlando) dagli avversari che invece restano concentrati ed in partita fino alla sirena finale.

La società oltre che al cambio dell’allenatore sta facendo altri sforzi per cambiare il trand ad un tristissimo campionato, con il tesseramento Di Riccardo Antinori e di tre under 18 della Poderosa in doppio utilizzo, Santori, Edraoui e Torresi che si spera diano quel quid necessario affinche’ si possa essere minimamente competitivi durante gli incontri e non lasciarsi sopraffare in maniera avvilente dagli avversari. Certo che coach Pasquali avrà da lavorare parecchio sperando che si arrivi ad una svolta.

Pollenza: Merlini 4, Ciferri 7, Luciani C. 11, Mazzoleni R. 18, Scocco 4, Grande 4, Cingolani 11, Kasperskyy 1, Mari 9, Mazzoleni G. 5. All. Luciani N.

Fermo
: Mancini 8, Pierantozzi, Centonza, Marini, D'Onofrio 2, Santori 2, Cinti 5, Edraoui 3, Pelacani 6, Braithwaite 8, Ricci 1, Belleggia 10. All. Pasquali

Ufficio Stampa Victoria Fermo

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: