Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Poderosa Montegranaro, coach Pancotto ''Siamo ospiti in questa zona di classifica, ma con grande merito''

Queste le parole di coach Pancotto in sala stampa:

«Per prima cosa bisogna dare merito ai tifosi di Bologna, fantastici. E poi alla Fortitudo, che resta prima in classifica e che rimane la squadra che andrà il prossimo anno a giocare in un’altra serie. Tutto questo rende onore ai miei giocatori, che ringrazio anche con un po’ di commozione perché sono andati al di là di chi non c’era come Treier, di chi ha passato una brutta nottata come Amoroso e di chi si è messo le scarpe e ha giocato come Palermo e Traini. Questo significa avere un cuore e un orgoglio grandissimi.

È stata una partita di altissima qualità e anche sorprendente, una partita di grandi cifre e di solito noi non siamo una squadra di questo tipo, ma una squadra più difensiva. Abbiamo avuto fiducia: statisticamente avevamo visto che nelle ultime otto partite la Fortitudo segnava sempre molto nel primo tempo e meno nel secondo per cui ho chiesto alla squadra di continuare così, anche quando eravamo sotto in maniera piuttosto importante. E la squadra ha risposto alla grande, tirando fuori la miglior difesa nelle azioni più importanti del supplementare. Nei tempi regolamentari abbiamo pagato l’inesperienza e il fatto che siamo ospiti in questa zona di classifica. Ospiti ma con grande merito».

Foto pagina Facebook Poderosa Pallacanestro Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: