Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Vuelle Pesaro, Mark Lyons si presenta ''Posso essere il leader di questa squadra''

Nel punto vendita Bricofer di Pesaro, la Vuelle ha presentato il neoacquisto Mark Lyons. Nella conferenza stampa moderata dal responsabile comunicazione Elio Giuliani, il direttore sportivo Stefano Cioppi ha illustrato nel dettaglio le sue caratteristiche: "Mark è un play di 185 cm e come ha detto coach Boniciolli è arrivato un giocatore maturo con esperienza in Europa (Francia, Israele, Turchia, Libano). Conosce il tipo di gioco che abbiamo in Europa, ha capito subito la nostra mentalità cestistica e per noi sarà un play aggiuntivo con buone doti realizzative e con attenzione in difesa in modo anche da essere più aggressivi con i nostri tre piccoli".

Il neoarrivato in biancorosso si è presentato a stampa e tifosi: "So che il campionato è molto duro e competitivo e che tutte le squadre possono perdere con le altre; ho giocato contro Sassari e Capo d'Orlando nelle competizioni europee, non vedo l’ora di iniziare. Sono un giocatore competitivo, sono a disposizione del coach per fare quello che mi viene chiesto di fare: posso realizzare, giocare per i compagni e marcare gli avversari con una buona difesa. Mi piace vincere, nelle prime ore che ho trascorso a Pesaro ho notato che la città è molto bella e ho avuto ottime sensazioni. Lo immaginavo, dato che prima di arrivare qui ho parlato con Christon (che ha giocato con lui al college, ndr) e Hazell, che mi hanno confermato anche che l’organizzazione del club è eccellente. Con Jeremy invece eravamo insieme in Turchia e anche con Shaq McKissic", ha detto Lyons.

"Sono sicuro che il miglior campionato sarà quello italiano - ha proseguito - Ho scelto il numero 9, volevo il 10 ma mi hanno detto che era stato ritirato dal momento che è stata la maglia di Alphonso Ford: ho saputo la sua storia che mi ha molto colpito e la rispetto profondamente. Alla fine ho scelto il numero 9, uno dei pochi rimasti liberi. So che è il numero di Darren Daye, una delle colonne della Vuelle: cercherò di onorarlo al meglio", ha aggiunto.

Mark è pronto per scendere in campo a partire dal match di domani sera quando alla Vitrifrigo Arena arriverà la Germani Brescia: "Mi sono sempre allenato individualmente nell'ultimo periodo, non vedo l’ora di giocare. In carriera ho giocato in Israele al Rishon LeZion, un’esperienza straordinaria con un grande club e un grande coach. Non eravamo favoriti e abbiamo vinto il campionato, una bella storia".

Nella vita di Mark la pallacanestro non è stata il suo primo sport: "Ho iniziato a giocare a baseball, poi mi sono dovuto trasferire. Nella mia nuova città tutti giocavano a basket e per questo motivo mi sono dovuto adeguare a quello che facevano gli altri. Ho smesso di giocare a baseball a 10 anni; ho perso mio babbo quando avevo 2 anni e nessuno mi ha insegnato uno sport. Ho dovuto imparare a giocare con la mia compagnia, senza nessun aiuto", ha spiegato Lyons.

Le idee del neo numero 9 della Vuelle sulla sua nuova squadra sono chiare: "Il gruppo è giovane, quando sono arrivato in Europa lo ero anch’io e so bene che le sconfitte possono portare a momenti di frustrazione e perdita di fiducia. Per me i giocatori più esperti sono stati sempre una guida: questo potrà essere il mio ruolo qui per aiutare i miei nuovi compagni a rialzarci nei momenti difficili e per avere successo. Ho giocato contro Artis al college, Dom è un gran giocatore, lui può giocare da play: a me piace essere realizzatore, per questo penso che possiamo giocare insieme oppure alternarci per rifiatare un po' a vicenda", ha concluso.

Per la Vuelle in questa stagione Bricofer è un partner importante; il direttore del punto vendita Riccardo Severi spiega: "Sono da sempre un tifoso della Vuelle e anche per questo motivo sono molto felice di questa partnership. Il punto vendita ogni settimana mette in palio 100 biglietti per i possessori della carta Payback. I primi 50 clienti possessori della tessera Payback che effettuano acquisti di 100 euro presso il nostro punto vendita vengono estratti per la consegna dei biglietti per assistere alle partite alla Vitrifrigo Arena".

Il Presidente Ario Costa commenta la partnership con Bricofer: "Siamo molto contenti di questo rapporto molto proficuo che è nato da alcune settimane con Bricofer, un grande gruppo nel settore del fai da te in Italia e che da tempo è presente anche a Pesaro: li ringraziamo molto per la loro volontà di sostenere lo sport della città e per il contributo dato alla Vuelle in questa stagione".

Ufficio Stampa VL

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: