Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Una Sutor Montegranaro opaca torna a mani vuote da Isernia

Due punti persi quelli ad Isernia. Due punti che la Premiata lascia sul parquet del Pala Liborio Fraraccio dopo aver disputato una gara senza infamia e senza gloria, giocata però contro un avversario individualmente inferiore ma capace di lottare come un leone su ogni pallone dall’inizio alla fine. La spuntano i padroni di casa grazie soprattutto alla gestione degli ultimi possessi, con Torreborre che, dopo un primo tempo abbastanza in sordina, si scalda come un diesel e decide il match segnando gli ultimi tiri della contesa.

Partono male i gialloblù, costretti a rincorrere i molisani praticamente dall’inizio del primo quarto: le percentuali sono basse e gli uomini di coach Barbuto sembrano veramente assatanati. Valentini sotto il pitturato fa valere i propri centimetri ed i soliti rimbalzi offensivi di Di Angilla permettono alla Sutor di rimanere attaccata ai padroni di casa, chiudendo la prima frazione sotto di 5. I secondi dieci minuti di gioco sono invece l’esatto contrario: il duo Lupetti-Temperini inizia a scaldare la mano e soltanto un’ottima prestazione di capitan Cupito (per lui 14 punti a referto) regala ad Isernia il momentaneo pareggio all’intervallo lungo.

Quelle che rientrano in campo però sono due squadre molte nervose, e le belle circolazioni di palla vista da entrambi i lati lasciano spazio a tecnici e falli intenzionali. Il tabellone è la prova della grande intensità fisica vista nel terzo periodo: 16 punti messi a segno da ciascuna squadra e 50-50 a 10 minuti dal termine. Nell’ultima frazione di gioco la Premiata parte subito bene con un paio di canestri che fanno ben sperare i tifosi di giunti da Montegranaro, ma quello sutorino è soltanto un fuoco di paglia: i molisani salgono in cattedra e grazie ai punti di Adins si riportano in vantaggio sugli ospiti. Bartoli sul finale fa 0/2 ai liberi e un Torreborre fin qui abbastanza scarico segna i canestri che regalano i due punti ad Isernia.

Appuntamento ora a SABATO - eccezionalmente per questa settimana - alle ore 17:00 alla Bombonera per la SUTOR FEST: birra gratis per tutti gli abbonati o possessori di biglietto prima della partita casalinga contro Perugia; i playoff sono vicini, ma per la matematica bisognerà attendere ancora un’altra vittoria.

Sutor Premiata Montegranaro: Lupetti 10, Di Angilla 2, Ciarpella F. 8, Valentini 9, Mosconi 7, Sabatini ne, Rossi, Bartoli 7, Temperini 17, Selicato. All. Ciarpella M.

Isernia
: Torreborre 13, Adins 12, Caresta 12, Hussin 3, Cupito 14, Porfidia 6, Caruso ne, Melchiorre ne, Di Nezza 3, Prete ne, Otersons 2. All. Barbuto

Parziali
: 19-14, 15-20, 16-16, 15-10.
Progressivi: 19-14, 34-34, 50-50, 65-60.

Ufficio stampa S.S. Sutor Basket Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: