Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Magic Basket Chieti conquista matematicamente il secondo posto

Brava Magic, la vittoria di questa sera vale il raggiungimento virtuale del secondo posto, quando mancano due giornate alla chiusura della stagione regolare. Grande impresa, conquistata in trasferta con una diretta rivale, giocando e vincendo due partite in una. Bravi tutti, a partire da coach Castorina, tutti ugualmente decisivi e determinati a giocare una pallacanestro solida e razionale. Valdiceppo le ha tentate tutte ma alla fine ha dovuto arrendersi ai neroverdi, che hanno saputo imporsi mostrando grande personalità. Quella personalità che in ogni occasione occorrerà mettere in campo, insieme alla tenuta atletica, all’attenzione difensiva e alla fluidità di manovra, quando nei playoff si giocheranno partite secche e tutte decisive. Ma questa è un’altra storia, ancora tutta da scrivere, non prima di essersi preparati al meglio nelle prossime settimane.

Ora spazio alla cronaca per raccontare una vittoria da brivido. Valdiceppo parte in quarta con Speziali francobollato su Italiano sin dalla rimessa. Grosso e il redivivo Casuscelli centrano due triple, corredate da un canestro di Meschini, la Magic va sotto di quattro (8-4) ma non si scompone più di tanto. Musci fa il fenomeno, ben coadiuvato da Joe Hart, altro fenomeno, entrambi protagonisti della scena non solo in avvio ma per l’intera gara o quasi. Punteggio ribaltato, i neroverdi passano a condurre con il piglio di chi ha come proposito quello di dettare il gioco senza paure e tentennamenti di sorta.

L’attacco umbro s’inceppa e il solo a far canestro è Meschini. La zone press aggressiva di Formato ha come unico risultato un carico di falli che esaurisce il bonus degli umbri e offre ancora a Musci 4 punti di fila dalla linea dei tiri liberi. Un canestro di Casuscelli alla disperata, sul suono della prima sirena, riduce il margine di vantaggio dei neroverdi a sole quattro lunghezze (21-17).

Nel secondo quarto il dominio di Chieti si fa più marcato. Entra in scena De Gregorio e lo scarto si amplia sino al 30-21. Gli arbitri fischiano molto e non sempre a proposito, il primo a farne le spese è coach Castorina. La partita si fa più nervosa, la posta in palio è grande, soprattutto per i padroni di casa che rischiano di essere risucchiati in classifica sino alla quinta piazza. Ancora un canestro allo scadere del tempo, questa volta di Okon, riduce il distacco dei bianco-blu a nove punti (39-30).

La terza frazione conferma i valori visti sul parquet nei primi venti minuti. In campo c’è una sola squadra, che gioca a pallacanestro ed è la Magic, mentre i padroni di casa, insistendo in una difesa aggressiva quanto improduttiva, offrono soluzioni facili ed ariose agli attacchi neroverdi che Hart, Mennilli e Musci sfruttano inesorabilmente. Quando mancano 5’ alla fine del quarto i magici fanno segnare il loro massimo vantaggio sul 60-42. La partita sembra ormai chiusa ma Valdiceppo ha il merito di non arrendersi e pur senza mostrare alcuna fluidità in attacco riesce comunque a restare a galla grazie ad una reazione rabbiosa. La Magic si distrae e Burini mette a segno il canestro del -10 con una tripla che scuote il Pala Cestellini sino alle fondamenta.

I primi cinque minuti dell’ultima frazione sono da incubo per Chieti che incassa un parzialone di 17-2. In barba ad ogni logica di gioco precedentemente espressa Valdiceppo vola, riportando il risultano in parità (71-71). Capitan Casuscelli, in questa fase, si erge a protagonista assoluto, realizzando due triple fantasmagoriche e tre tiri liberi, che di fatto obbligano le squadre a giocarsi gli ultimi 5’ come se fosse un over time. La barca neroverde traballa, rischiando di affondare ma Joe Hart, si carica la squadra sulle spalle, realizzando i tre punti più decisivi dell’intera partita e ricacciando indietro ancora una volta gli infoiatissimi padroni di casa.

Non bastasse, Il “britanno”, in questa fase concitatissima, dove ogni palla scotta e vale oro, realizza altri sei punti, mostrando freddezza, lucidità e precisione. La Magic torna a +7 (84-77) a 120” dalla fine, questa volta sembra proprio fatta ma Speziali sfrutta a 28” dalla sirena un errore dei teatini, che in attacco buttano via una palla importantissima. Italiano, stanchissimo, va in lunetta e realizza un solo tiro libero, gli umbri hanno a disposizione la palla del sorpasso. Il bulgaro Peychinov, messo in campo nei minuti finali da coach Formato, tira fuori equilibrio, mandando la palla sul ferro. Musci mette a segno a 2” dalla fine i tiri liberi della sicurezza.

La Magic vince e mette virtualmente in cassaforte il secondo posto della regular season. Serata magica, grande impresa! È tempo di far festa, il sottoscritto può finalmente spegnere le candeline con sollievo, incassando il regalo più gradito di giornata. Grazie Magic!

SICOMA VALDICEPPO vs MAGIC BASKET CHIETI 85-89
Punteggi progressivi: 17-21; 30-39; 54-66; 85-89.
Punteggi parziali: 17-21; 13-18; 24-27; 31-23.

VALDICEPPO 85
Speziali 7, Grosso 8, Burini 3, Okon 16, Peychinov 6, Quondam Girolamo 4, Ciancabilla n.e., Gazineo 2 , Anastasi 2, Landrini n.e., Meschini 18, Casuscelli 19. All. Formato
Tiri da due 33/73 45%; tiri da tre 11/32 34%; tiri liberi 8/14 57%; Rimbalzi 35 (6-22).

MAGIC BASKET CHIETI 89

De Gregorio 12, Alba, D’Amico n.e., Mennilli 6, Italiano 9, Povilaitis 2, Pelliccione 1, Masciulli, Musci 30,(10-12 tt) Di Falco 3, Hart 26 (8-11 tt, 4-6 t3), Fusella. All. Castorina
Tiri totali 27/51 52%; tiri da tre 10/27 37%; tiri liberi 25/34 73%; Rimbalzi 29 (3-30).

Arbitri
- Sperandini e Ciaralli

MAGIC PRESS OFFICE
MASSIMO RENELLA

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: