Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Playoff G2: il TaSp Teramo cade ad Orvieto, coach Stirpe ''Loro più convinti, ora pensiamo alla bella''

La Teramo a Spicchi torna sconfitta 61-56 dalla trasferta a Orvieto. Per accedere al turno successivo ci sarà quindi bisogno di una decisiva gara 3, in programma sabato 27 aprile al Palasport dell’Acquaviva (ingresso gratuito – ore 18). Ma prima di andare troppo in là, bisogna commentare lo stop dei biancorossi, partiti con la convinzione di poter chiudere la pratica in gara 2 e tornati con la consapevolezza di aver di fronte uno scenario diverso: “Nello sport – commenta coach Simone Stirpe-, spesso, chi ci crede maggiormente, chi mette in campo quel qualcosa in più, vince le partite. E gara 2 contro Orvieto ne è stata la conferma. Sapevamo che avremmo incontrato una squadra diversa, che in casa si trasforma, e così è stato. Abbiamo subito la loro pressione sulla palla, perdendo molti palloni ed eseguendo male in attacco, non riuscendo mai a trovare ritmo. Abbiamo provato a cambiare difese, e se guardiamo il punteggio queste scelte hanno anche pagato ma in ogni possesso gli abbiamo concesso secondi, terzi e anche quarti tiri. Questa è stata la chiave della partita”.

Avanti per quasi 39 minuti i biancorossi sono stati superati proprio nei momenti decisivi del match: “Pur essendo più piccoli di noi – prosegue l’allenatore della TaSp – hanno preso un numero infinito di rimbalzi in attacco, strappandoci la palla dalle mani, prendendo entusiasmo e segnando anche dei canestri magari inusuali per loro. Tutto frutto dell’energia che hanno messo in campo. Noi tirando 2 su 20 da 3 gli abbiamo concesso di chiudersi in area. Queste sono partite che si vincono con la spada e non con il fioretto. Fortunatamente abbiamo un’altra possibilità per andare avanti e magari ci servirà aver perso, perché era un po’ che non succedeva”.

Adesso bisogna infatti concentrarsi sull’ultimo atto di questa sfida: “Oggi – chiude coach Stirpe – sono veramente incazzato e vorrei rigiocarla domani la partita. Invece avremo 2 settimane di tempo per prepararla, chiudendoci le orecchie, facendo ancora più gruppo, dicendoci cosa non ha funzionato ma andando avanti con fiducia. Questi sono i playoff, partite come queste possono starci ma sono sicuro che i miei ragazzi mi porteranno lontano”.

Orvieto Basket: Ceccariglia 11, Russo ne, Olivieri, Stella 1, Kirillov 1, Bonifazi 6, Abet 8, Egbunike 15, Pigozzi 6, Mocetti 6, Casanova 7, Prosperini ne. All Andrea Brandoni.

Teramo a Spicchi: Sebastianelli 8, Magazzeni 1, Palantrani 11, Wu 11, Bucci ne, Ragonici, Piccinini 12, Piersanti 3, Gallerini ne, Sacripante 10. All Simone Stirpe, Ass all Nastasia Di Carlo.

Parziali: 14-17; 25-30; 43-45; 61-56.

Paolo Marini
Resp. Comunicazione Teramo a Spicchi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: