Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

E' stata una regular season da record per la Poderosa Montegranaro

Quella andata in archivio domenica scorsa è stata un’altra regular season da record per la Poderosa. Da record in primis per i risultati raggiunti: la salvezza in archivio già a metà stagione, la prima volta alla Coppa Italia di Serie A2, i playoff per la seconda stagione consecutiva, il terzo posto a migliorare il quinto di un anno fa.

La XL EXTRALIGHT® di coach Pancotto ha saputo spingersi ben 10 punti oltre i 36 firmati la scorsa stagione: i 46 punti finali sarebbero bastati ampiamente per vincere il girone Ovest… Nessuno ha fatto come la Poderosa lontano da casa, centrando ben 13 vittorie su 15 con la chicca della vittoria a Bologna, unica squadra a riuscire nell’impresa quest’anno. Senza dimenticare la pazzesca striscia di 12 vittorie in fila, fermatasi solo al cospetto della lanciatissima Treviso.

Il frutto di un lavoro costante portato avanti da agosto da coach Pancotto e il suo staff, che ha potuto contare su 10 uomini su 10 partiti almeno una volta in quintetto e non è certo scontato quando a roster hai quattro giocatori nati dal 1996 in poi e, a differenza di altre società o della stessa Poderosa di una stagione fa (quando arrivò Nikolic prima dei playoff), non hai modificato il roster in corsa. La XL EXTRALIGHT® se l’è giocata alla pari con tutti in ogni circostanza (l’unico ko in doppia cifra della stagione è stato il -11 interno contro la Bakery Piacenza): frutto di una fortissima identità di squadra, di una personalità e di un carattere con pochi eguali nel campionato in corso, che si sono tradotti in una continuità di rendimento invidiabile.

Il tutto senza dimenticare che Montegranaro e Capo d’Orlando si contendono sul filo degli abitanti lo scettro di paese più piccolo della Serie A2, riuscendo comunque a togliersi la soddisfazione di portare oltre 4000 persone al PalaSavelli per il big match contro la Lavoropiù Bologna e circa 2000 di media nel corso dell’intera stagione. A prescindere da come finirà, sarà stata l’ennesima stagione da incorniciare.

Ufficio Stampa Poderosa Pallacanestro Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: