Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Pisaurum Pesaro, coach Surico ''Partita incredibile. Ora rimaniamo tranquilli e pensiamo al prossimo turno''

Il Pisaurum Pesaro fallisce il primo appuntamento con per la conquista della salvezza. Nella decisiva Gara 3 del primo turno playout, i pesaresi vengono sconfitti dopo un tempo supplementare dall'Isernia Basket e rimandano le proprie speranze di conquistare il diritto a partecipare alla prossima Serie C Gold alla sfida con la perdente della serie tra Robur Osimo e Falconara Basket (Gara 3 in programma oggi pomeriggio alle ore 18:00). Questa l'analisi della partita di coach Maurizio Surico:

"Per noi è stata davvero una bella mazzata. Siamo partiti male subendo subito un parziale di 0-10, poi piano piano abbiamo cominciato a difendere e siamo andati sopra al termine del primo tempo, rientrando negli spogliatoi con un margine di 7 punti. A 1' 48'' dalla fine del terzo quarto abbiamo toccato un vantaggio di 12 punti, con la gara che in quel momento era saldamente tra le nostre mani. Poi abbiamo fatto tre scelte scellerate ed che hanno permesso ai nostri avversari di rientrare in partita con un parziale di 6-0. Abbiamo iniziato l'ultimo quarto con tanto nervosismo e questo ha permesso all'Isernia di rifarsi sotto e rimanere sempre a contatto. A 40'' dalla fine eravamo ancora avanti di tre punti e con un tiro libero a nostro favore.

Libero sbagliato e bomba di Torreborre che ha portato la gara all'overtime. Al supplementare abbiamo pagato un deleterio 1/8 ai tiri liberi che ci ha condannato alla sconfitta. Comunque in tanti anni di attività mai visto tante situazioni così avverse come quelle che ci sono capitate. Ad esempio Giovedì sera in allenamento si è infortunato alla mano Sinatra, che è sceso in campo ma molto condizionato. Ora dobbiamo rimanere tranquilli e iniziamo a pensare all'ultima chance che avremo, ma stiamo vivendo una situazione veramente difficile."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: