Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

C Gold Playoff G2: il supplementare condanna la Magic Basket Chieti a Perugia

Finisce qui per i magici, ancora una volta sconfitti all’overtime dopo aver lottato allo stremo delle loro forze. Anche questa volta il dio del basket sorride ai perugini, negando con dispetto ai neroverdi la possibilità di giocars in gara 3 l’accesso alla finale. Ma questa è innegabilmente la dura legge dello sport che premia solo il vincitore. Mai, però, come questa volta bisogna ammettere che se c’è un vincitore non c’è di converso uno sconfitto, perché sul parquet perugino la Magic ha mostrato ancora una volta quanto grande sia il cuore dei suoi ragazzi, che pur stanchi e provati hanno combattuto senza mai arrendersi.

E si che la partita per i teatini era proprio nata sotto una cattiva stella, a causa di una prima frazione caratterizzata da una rottura prolungata che faceva sprofondare la Magic dal 4-3 a proprio favore sino al 20-4 di passivo. Un pesantissimo break di 17-0 che faceva presagire una resa incondizionata. Una squadra senza attributi avrebbe chinato il capo sotto i colpi degli avversari, sventolando bandiera bianca e aspirando magari solo ad una sconfitta onorevole. Non la Magic che risaliva la corrente già nel secondo quarto, riuscendo addirittura a passare avanti poco dopo il rientro in campo dal riposo lungo. Povilaitis su tutti, il lituano guidava la rimonta, giocando senza alcun dubbio la miglior partita della sua stagione.

Valdiceppo si smarriva, andando a corrente alternata e affidandosi nelle ristrettezze al solo tiro da tre di Casuscelli, autore di un paio di canestri da distanza siderale. Inutile smarrirsi nella cronaca, basta dire che la gara da qui sino alla fine procedeva a balzi sul piano di una sostanziale parità. Due squadre stanche, provate dalla fatica nervosa oltre che fisica, si contendevano generosamente la posta sino ai secondi finali del tempo regolamentare e poi ancora nel supplementare, chiuso a pochi secondi dalla fine, quando Musci sbagliava da sotto il canestro che avrebbe sancito l’ennesimo pari e con ogni probabilità il prolungamento ulteriore di un altro overtime.

Game over! È stato un viaggio a tappe bellissimo, a tratti esaltante, sempre ricco di emozioni e carico di sentimenti pieni. Un viaggio lungo 31 partite, che trova a Perugia il suo capolinea, in una gara che in fondo, pur nella sconfitta, rappresenta al meglio la grande forza morale ancorché tecnica di questa squadra. Niente rammarichi, quindi, i magici meritano solo applausi per aver fatto sognare, durante un’intera stagione, i propri tifosi oltre i limiti consentiti dalla più sfrenata immaginazione. Nessuna delusione, per non aver raggiunto una finale che i magici meritavano al pari di Valdiceppo. Solo orgoglio, tanto orgoglio per aver avuto il grande piacere di ammirare ragazzi straordinari sia dentro che fuori dal campo. Va bene così, onore alla Magic e al suo campionato. Da domani, poco ma sicuro, i presidenti saranno già al lavoro per iniziare a programmare la prossima stagione e c’è da credere con ambizioni rinnovate e accresciute.

Mi si consenta un personale congedo, dalla prossima stagione non sarò più io a raccontare le gesta dei magici, che continuerò a seguire con intatta passione da semplice tifoso. Finisce qui anche il mio viaggio con la Magic e colgo l’occasione per ringraziare la società neroverde e i miei lettori, quelli più assidui e quelli occasionali, tutti incondizionatamente amici veri e non della ventura. Grazie a tutti, grazie Magic!

SICOMA VALDICEPPO vs MAGIC BASKET CHIETI 1OT 78-74
Punteggi progressivi: 20-8 36-29; 55-48; 67-67 -1OT 78-74
Punteggi parziali: 20-8 16-21; 19-19; 12-19 - 1OT 11-7

SICOMA VALDICEPPO 78

Speziali 4, Grosso 7, Burini 7, Okon 16, Peychinov 16, Quondam 3, Ciancabilla n.e., Gazineo, Anastasi n.e., Landrini n.e., Meschini 11, Casuscelli 14. All. Formato
Tiri da due 30/71 42%; tiri da tre 11/29 37%; tiri liberi 13/16 81%; Rimbalzi 40 (7-33).

MAGIC BASKET CHIETI 74

De Gregorio 17, Alba, Del Rosario n.e., Mennilli, Italiano 4, Povilaitis 29, Pelliccione 3, Masciulli n.e., Musci 18, Hart 3, D’Amico n.e.. All. Castorina
Tiri totali 26/67 38%; tiri da tre 5/24 20%; tiri liberi 17/29 58%; Rimbalzi 43 (12-31).

Arbitri: Paciaroni e Valletta

MASSIMO RENELLA

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: