Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Santo Stefano Avis Porto Potenza sbanca due volte Cantù, lo scudetto ora è ad un passo

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/13-05-2019/santo-stefano-avis-porto-potenza-sbanca-volte-cant-scudetto-passo-600.jpg

Social

Tremano le mani sulla tastiera per scrivere quanto accaduto e visto nello scorso week end. I portopotentini della S.Stefano-Avis hanno sbancato il Palameda di Cantù sia in gara 1 che in gara 2 della finale scudetto contro la Briantea 84. E ora doppio match point Scudetto per la S.Stefano-Avis di Porto Potenza con altrettante gare casalinghe sabato 18 e, eventuale gara 4, domenica 19, entrambe alle ore 17. Incredibile. Da fantascienza. I marchigiano hanno fatto razzia di vittorie in casa della superfavorita, della corazzata, della “Juventus” del basket in carrozzina degli ultimi anni in Italia.
Parquet inviolato per l’intera stagione. Finora. Fino all’arrivo dei ragazzi guidati da coach Robi Ceriscioli che hanno letteralmente spazzato via tutte le certezze di Berdun, Sagar e compagni.

Due match perfetti per i portopotentini. Il primo vinto di 3, 57-54, il secondo di 5, 53-48. Punteggi bassissimi che già cristallizzano una delle chiavi della partita. La difesa granitica dei portopotentini che ha bagnato le polveri dei canturini, annacquato le loro idee e mandato in frantumi la tenuta emotiva dei ragazzi di coach Bergna.
"S. Stefano ha cambiato piano partita. Non ce lo aspettavamo. E questo ci ha spiazzato. Non siamo stati in grado di prendere le contromisure a quanto previsto dai portopotentini". Le parole a fine gara 2 di Ian Sagar, capitano della Briantea 84 Cantù, sono la fotografia del week end. Un capolavoro dei nostri ragazzi in campo. Ma prima ancora, un capolavoro di coach Robi Ceriscioli.

“Non abbiamo ancora fatto nulla”, dice capitan Ghione la termine della seconda vittoria, con la voce strozzata dall’emozione e ammettendo di avere “il cuore a mille”. Parole da capitano che vuole tenere tutti sottopressione. E poi le parole del capitano che non dimentica mai nessuno: “Un grande GRAZIE va a tutti i miei compagni della panchina, che giocano meno, che hanno poco minutaggio in campo ma tanto tanto minutaggio in allenamento e sono sempre presenti. Ora però ricordiamoci che non abbiamo ancora fatto niente. Si deve arrivare a 3. E sarà durissima”. Resta il fatto che ora S. Stefano-Avis è a un solo passo dal primo Scudetto della propria storia, che sono stati ribaltati i favori del pronostico e il fattore campo dopo i primi due capitoli della sfida Scudetto al PalaMeda e che ora i campioni d’Italia in carica si trovano spalle al muro, costretti a vincere le prossime due trasferte per forzare la serie a gara cinque.
Gara 3 di sabato alle ore 17 al PalaPrincipi sarà davvero tutta da gustare.

Un week end indimenticabile
Lo avevamo scritto nel nostro “Jemo” di una settimana fa.
“Da sabato si scrive la storia”.
Intendevamo la “nostra storia”, quella della S. Stefano-Avis che, approdata per la primissima volta in finale, avrebbe comunque scritto delle pagine nuove nella sua storia.
Mai avremmo pensato che nel week end la S. Stefano-Avis avrebbe scritto “la storia del basket in carrozzina”. Perché così, di fatto, è stato. Quando da novizio di una finale scudetto vai in casa di chi lo ha vinto negli ultimi tre anni e, in due giorni, te ne torni a casa con due vittorie su due gare, spazzando via una squadra di supercampioni, non c’è altro da dire se non che stai scrivendo qualcosa di incredibile e di nuovo nel libro di uno sport.
Ai ragazzi protagonisti di tutto questo, dal coach Robi Ceriscioli a tutti i ragazzi che ogni giorno si allenano duro, va innanzitutto il GRANDE GRAZIE da parte di tutti coloro che amano emozionarsi per uno sport. E di emozioni, ce ne stanno regalando tante ed enormi.

Sabato 18 maggio. Match point Scudetto.
Che bello sarebbe con il PalaPrincipi gremito!!!

Sabato 18 maggio. Ore 17.
Questa volta davvero nessuno può mancare al PalaPrincipi di viale Piemonte.
Chi ama lo sport.
Chi ama Porto Potenza e chi ama le Marche.
Chi ama le grandi emozioni.
Chi vuole, comunque vada, vivere la storia di una disciplina sportiva mentre quella storia si va componendo.
Sabato, gara 3 di finale scudetto, la S. Stefano – Avis si giocherà per la prima volta nella sua storia la possibilità di diventare Campione d’Italia.
La più longeva società sportiva paralimpica marchigiana, una delle primissime in Italia di basket in carrozzina, è ad un passo dal sogno.

Per chi non potrà essere al PalaPrincipi, come di consueto il match casalingo andrà in streaming su www.twinssebastiani.it

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: