Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Sericap Cannara, Maurizio Venturi ''Contento per la salvezza, a ritirarmi non ci penso proprio''

Con la vittoria conquistata sul campo del Deruta Basket, la Sericap Cannara ha potuto festeggiare la meritata salvezza arrivata al termine di una stagione molto tribolata e piena di infortuni che hanno condizionato e non poco il cammino dela squadra di coach Giorgolo, arrivata comunque, al termine di un'emozionante rincorsa, ad una sola vittoria dalla conquista di un posto nei playoff. Protagonista di tutta la seconda parte di stagione è stato senza ombra di dubbio Maurizio Venturi che nonostante i suoi 53 anni è stato determinante nei risultati raggiunti dalla squadra umbra.

- Ciao Maurizio, finalmente la stagione è terminata con la conquista di una salvezza comunque meritata.
"Abbiamo raggiunto quello che, quando sono arrivato a fine Gennaio, era il nostro principale obiettivo. Abbiamo fatto una grande rincorsa nell'ultima fase della regular season che ci ha permesso di entrare nei playout nella miglior posizione possibile, ma non è stata sufficente per centrare i playoff. E' stato un peccato perchè con soli 2 punti in più avremmo chiuso all'ottavo posto."

- Nel primo turno dei playout siete stati sorpresi dalla Favl Viterbo che ha chiuso la serie in sole due partite.
"La lunga rincorsa fatta negli ultimi due mesi di regular season ed il fatto di non aver raggiunto i playoff proprio all'ultima giornata ci ha lasciato delle scorie sia fisiche che mentali, che abbiamo pagato con un calo durante la serie contro Viterbo. Nelle due partite contro di noi i laziali hanno fatto 80 minuti di difesa a zona, e noi non abbiamo praticamente mai fatto canestro da fuori, e questo lo abbiamo pagato."

-  Il tuo contributo è stato ancora una volta determinante per conquistare la permanenza in Serie D.
"Lasciando stare le statistiche, penso comunque di aver fatto bene e di aver dato tutto ciò che potevo. Da quando sono arrivato abbiamo avuto un record di 10 vittorie e 7 sconfitte, e posso dire che non ho avuto alcun problema fisico e sono stato quasi sempre in discreta forma. I nostri avversari spesso si sono adeguati per non farmi arrivare la palla e questo mi ha dato fiducia visto che mi considerano ancora un giocatore temibile."

- La domanda credo sia d'obbligo: ti rivedremo sui campi di basket la prossima stagione?
"A me piacerebbe ancora giocare, su questo non ho dubbi. Io sono a disposizione, vediamo che cosa succede. Non conosco ancora i programmi della società ma io rimarrei volentieri a Cannara, una realtà che mi ha accolto bene e nella quale mi sono sentito a mio agio. Vedremo quelle che saranno le idee dell'allenatore e della società, ma io sarei disponibile a proseguire, anche perchè ho dimostrato ancora di poter dire la mia in campo."

- Chiudiamo con un pronostico: secondo te tra Spello e Gubbio chi vincerà la finale in salirà in Serie C Silver?

"Vedo favorito lo Spello, soprattutto perchè può contare sul vantaggio del fattore campo. Gubbio è comunque una squadra ostica ed in questo momento ha pure parecchio entusiasmo, per cui penso sarà una bella finale."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: