Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Pall. Acqualagna, coach Renzi ''Fatta grande stagione, sarei contento di rimanere ma dobbiamo parlarne''

In due anni dalla Promozione alla Serie C Silver, con in mezzo anche una finale promozione persa di un soffio. E' questa l'escalation di risultati della Pallacanestro Acqualagna nelle ultime tre stagioni: vittoria del campionato di Promozione e salita in Serie D Regionale nel 2016/2017, sconfitta in finale playoff per salire in Serie C Silver nel 2017/2018 e vittoria del campionato di Serie D con conseguente promozione in Serie C Silver in questa ultima stagione. Presenza costante e fondamentale in questo percorso è stata quella di coach Carlo Renzi, capace di guidare la squadra in questi tre anni ricchi di vittorie.

- Ciao Carlo, avete ottenuto una grande promozione dominando la finale contro il Loreto Pesaro, chiusa con un secco 3-0.
"Abbiamo disputato una serie finale davvero ottima. Soprattutto la prima e la terza partita della serie sono state giocate molto bene, ed abbiamo avuto la soddisfazione di poter festeggiare in casa davanti a circa 700 persone che hanno gremito il nostro palazzetto."

- Rispetto a tre anni fa avete compiuto un grande salto in avanti, compiendo un passo alla volta stagione dopo stagione.

"Sì è vero, anno dopo anno siamo stati in grado di fare sempre meglio, alzando ogni volta l'asticella. Rispetto alla passata stagione quest'anno avevo a disposizione un roster più lungo e profondo e questo alla fine ha pagato. Aver inserito nella squadra che aveva disputato il primo campionato in Serie D giocatori come Tagliapietra, Morresi, Vicario e Bevilacqua mi ha permesso di poter allungare le rotazioni e penso che questo aspetto si sia rivelato decisivo."

- C'è stato un momento particolare nel quale hai capito che potevate realmente farcela?
"Ho sempre pensato, e l'ho detto spesso ai ragazzi, che se fossimo riusciti a giocare insieme mettendo da parte gli individualismi, probabilmente potevamo essere la squadra più attrezzate e che potevamo farcela. Abbiamo avuto il merito di disputare una stagione molto costante senza picchi positivi e momenti particolarmente negativi. Il nostro livello è stato sempre buono, e non c'è stato un momento nel quale ho avuto maggiore fiducia sulle possibilità della mia squadra."

- In settimana la società ha confermato la propria partecipazione alla Serie C Silver. Ci sarà ancora Carlo Renzi sulla panchina della Pallacanestro Acqualagna?
"Sono contento che la società abbia deciso di confermare la partecipazione ad un campionato che ci siamo guadagnati sul campo. Adesso sarà fondamentale capire quale roster si potrà costruire. Io ad Acqualagna sono stato benissimo e non finirò mai di ringraziare la società. Adesso però bisogna fare un ulteriore passo in avanti anche perchè il campionato di Serie C è completamente diverso dalla D e presuppone un impegno diverso anche durante la settimana, oltre ad un budget più elevato. Non posso negare di aver ricevuto apprezzamenti in giro, ma sarei contento di rimanere anche se aspetto di conoscere i programmi dell'Acqualagna prima di decidere il mio futuro."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: