Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Unibasket Lanciano, capitan Martelli ''Un onore vivere la stagione da capitano, non vedo l'ora di ricominciare''

Intervista al capitano Alex Martelli

- Ciao Alex, è passato quasi un mese dalla fine del campionato. A mente fredda come giudichi dal punto di vista personale questo primo anno da capitano dell’Unibasket?

"E' stato un anno entusiasmante ed al di sopra di ogni aspettativa iniziale, per me è stato un onore viverlo da capitano ed essere stato un punto di riferimento per i ragazzi"

- Tasto dolente: l’eliminazione in semifinale contro la Sutor (poi promossa in B). Cosa è mancato al Lanciano per giocarsi la finale e sperare quindi di vincere i playoff?
"Purtroppo o per fortuna, come avevo già detto nell’intervista di aprile, nei playoff i valori del campionato si azzerano completamente e le serie si decidono sugli episodi. Purtroppo sia in gara 1 che in gara 3 di semifinale abbiamo commesso degli errori nei momenti decisivi che ci sono costati caro"

- Dal punto di vista del team resta la consapevolezza di aver vissuto comunque una grande stagione e di potersi migliorare ancora in vista dell’anno prossimo.
"Per quanto mi riguarda ricomincierei il campionato ora, perchè la voglia di riscatto è tantissima...sono convinto che la società è pronta per fare addirittura meglio dell’anno trascorso e tutti noi saremo motivati a fare ancora di più!"

- Quali sono state le vittorie e le soddisfazioni che ricordi con più piacere di questo campionato appena trascorso?
"Sicuramente il momento che ricordo con maggiore soddisfazione è stato il quello in cui abbiamo ottenuto il primo posto matematico in classifica, con qualche giornata di anticipo...è stato un bella soddisfazione per tutti quanti!"

- In attese delle conferme e dei nuovi arrivi, da che prospettive riparte secondo te questo Lanciano?
"Secondo me dobbiamo ripartire dalla nostra faccia tosta in trasferta, dove nel 2019 non abbiamo mai perso...le poche sconfitte subite nell’anno sono maturate in casa e per fare il salto di qualità dobbiamo migliorare la nostra consapevolezza tra le mura amiche e trasformare il nostro palazzetto in un fortino, aspetto che però è andato migliorando anche grazie al pubblico che aumentava di partita in partita"

- Dopo anni di assenza, la città ha ritrovato il basket di livello ed ha iniziato a sostenervi con sempre maggiore passione. Quanto sarà importante il sostegno della città e delle istituzioni?
"Mi riaggancio a quanto appena detto...la collaborazione con la città, le istituzioni e le persone che ci sostengono è fondamentale se si vogliono avere speranze di vittoria finale"

- Chiudiamo con un tuo messaggio ai tifosi in vista del prossimo campionato.
"Chiedo a tutti di ripartire da quanto visto nel finale di stagione, ovvero un palazzetto quasi pieno (sono convinto che se fossimo arrivati in finale si sarebbe riempito totalmente su entrambe le tribune...una cosa mai vista prima).Noi proveremo a ripetere quanto di buono fatto quest’anno, ma abbiamo bisogno del vostro sostegno!"

Simone Cortese -Ufficio Stampa Unibasket Lanciano

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: