Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Alberto D'Amato lascia la Pallacanestro Senigallia, le parole dell'allenatore

Si separano le strade di coach Alberto D'Amato e della Pallacanestro Senigallia. Nonostante la salvezza conquistata senza troppi patemi d'animo con un netto 2-0 contro lo Sporting Porto Sant'Elpidio nel primo turno dei playout, l'allenatore pesarese non sarà più alla guida della squadra senigalliese nella prossima stagione. E noi l'abbiamo contattato per capire cosa c'è adesso nel suo futuro.

- Buongiorno coach, la tua esperienza a Senigallia termina dopo una sola stagione.
"Mi dispiace veramente molto ma a causa di alcuni motivi personali ho dovuto prendere questa decisione. A Senigallia sono stato bene e approfitto subito per ringraziare la società, il Direttore Umberto Badioli, e tutti i ragazzi che ho allenato in questa stagione."

- In campionato alla fine avete raggiunto in maniera relativamente tranquilla l'obiettivo della salvezza.
"Quello che era il nostro grande obiettivo stagionale l'abbiamo centrato in pieno. La stagione non è stata facile ed abbiamo incontrato tante difficoltà ma alla fine i ragazzi hanno fatto bene. Non dimentichiamoci che avevamo probabilmente il roster più giovane dell'intero girone, e quesi tutti i giocatori erano alla prima esperienza in un campionato di Serie D. Il risultato raggiunto alla fine testimonia, secondo me, anche la crescita e la maturazione che la squadra ha avuto durante l'anno. Questo si è visto anche nel campionato Under 18 Gold al quale abbiamo partecipato con i nostri giovani, nel quale siamo arrivati fino alle semifinali regionali. Un altro buon risultato secondo me."

- Ed ora cosa c'è nel tuo futuro?
"Vediamo che cosa proporrà il mercato. A me piacerebbe trovare un bel progetto, con obiettivi magari a medio termine, sul quale poter lavorare per più di una stagione. Non faccio preferenze particolari tra giovani e senior, e non guardo più di tanto neanche la categoria, ma mi piacerebbe provare a costruire qualcosa, un pò come ho fatto nella mia esperienza ad Urbania. Qualora ci fossero le possibilità non disdegnerei neanche di fare l'assistente in una serie superiore, cosa che ho fatto già qualche stagione fa alla Vuelle Pesaro, perchè penso potrebbe essere importante e costruttivo per la mia crescita. Vedremo nelle prossime settimane quale opportunità si presenteranno."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: