Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Thunder Matelica, coach Rapanotti ''Stimolato e carico per questa nuova avventura''

Nuova avventura per coach Christian Rapanotti che dopo l'esperienza delle ultime due stagioni sulla panchina dei Bad Boys Fabriano, con i quali ha conquistato una promozione in Serie D ed una successiva comoda salvezza, da Lunedì è ufficialmente il nuovo allenatore del Thunder Basket Matelica-Fabriano, che il prossimo anno prenderà parte al campionato di Serie B Femminile. Andiamo a conoscere meglio le sue prime impressioni dopo l'ufficializzazione di questo nuovo incarico.

"Prima di iniziare questa chiacchierata voglio subito approfittare per fare dei ringraziamenti che sono più che doverosi: innanzi tutto ringrazio la mia famiglia, mia moglie e le mie tre figlie, che mi sono sempre vicino e mi supportano in questo che, oltre ad essere la mia passione, è diventato più di un semplice hobby. Un grazie poi lo voglio mandare allo Janus Fabriano ed ai Bad Boys per avermi permesso di far parte del loro progetto. E poi non posso che ringraziare la mia nuova società per avermi cercato ed avermi fatto sentire importante, un aspetto fondamentale nella mia scelta."

- Come mai hai deciso di sposare il progetto del Thunder Matelica?
"Un mese fa c'è stato il primo contatto. Per me allenare una squadra di pallacanestro femminile rappresenta non solo una novità, ma allo stesso tempo una nuova sfida molto stimolante. La società si è fin da subito mostrata molto interessata a me e questo mi ha fatto piacere. Il primo approccio con questa nuova realtà è stato molto positivo e per me è stato naturale accettare la proposta che mi è stata fatta."

- Che cosa ti aspetti da questa nuova avventura?
"Innanzi tutto mi aspetto di poter lavorare bene. Per me la pallacanestro è gruppo, cuore e difesa, e questi tre aspetti saranno alla base di quello che voglio costruire con la mia nuova squadra. L'obiettivo principale è quello di lavorare forte ogni giorno in palestra per costruire qualcosa di solido ed importante."

- Avete già parlato di obiettivi in vista del prossimo campionato?
"In realtà finora non ci siamo dati un obiettivo specifico, ma l'interesse mio e della società è quello di fare un passo alla volta, magari provando a compiere un passo in avanti in più rispetto allo scorso campionato. Per cui posso dire che raggiungere i playoff potrebbe essere in questo momento il nostro obiettivo."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: