Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Bramante Pesaro, coach Nicolini ''Fatta un'ottima stagione, abbiamo centrato il nostro obiettivo''

Tempo di bilanci di fine stagione in casa Bramante Pesaro, con un occhio però già rivolto al prossimo campionato che vedrà la squadra pesarese di nuovo ai nastri di partenza un roster pronto a valorizzare i tanti giovani che ne faranno parte, esattamente come accaduto nelle precedenti annate. E chi meglio di coach Massimiliano Nicolini può aiutarci a valutare il campionato fatto dai suoi ragazzi, ed allo stesso tempo iniziare a farci capire che Bramante potremo vedere il prossimo anno.

- Buongiorno coach, che stagione è stata per voi quella appena terminata?
"Direi che è stato un anno molto positivo, soprattutto per quello che riguarda la seconda parte. Abbiamo iniziato la stagione come un cantiere aperto, ormai una costante negli ultimi anni, per poi crescere costantemente partita dopo partita, fino a centrare i playoff. Ad inizio campionato l'obiettivo era quello di entrare nelle prime otto, poi visto che il livello del girone era di gran lunga più alto rispetto a quello che pensavamo, ci siamo detti che conquistare la salvezza non era poi un risultato da buttare via. Ed invece i ragazzi sono stati bravissimi a costruire un gruppo solido ed affiatato, riuscendo con un grande girone di ritorno ad entrare nella post season. Decisivo per questo traguardo è stato il fatto di aver avuto tutti gli scontri diretti a favore con le squadre che lottavano con noi."

- Sei quindi soddisfatto di quello che la tua squadra è riuscita a fare.
"Sì assolutamente. Io sono molto contento di quanto i ragazzi hanno fatto. I senior si sono mostrati sempre molto disponibili, ed il contributo dato da Gnaccarini, Gamberini, Giampaoli e Bertoni è stato grandissimo. Sono stati capaci di trasmettere ai tanti giovani la giusta mentalità e competitività, che ha permesso loro di crescere e maturare durante l'anno."

- E per il prossimo anno cosa dobbiamo aspettarci? Hai già un'idea della squadra che vorresti?
"A me piacerebbe ripartire da una base e non dover ricostruire tutto da zero. L'unica base che posso avere è quella dei senior, visto che per gli under è tutto ancora da vedere e discutere con la Vuelle. Per cui il primo obiettivo è quello di parlare con i quattro senior e vedere se ci sono tutte le condizioni per proseguire insieme. I giovani che sono stati con noi lo scorso anno difficilmente li vedremo in maglia Bramante, visto che, avendo terminato il proprio percorso nel settore giovanile, ed avendo fatto una buona stagione, probabilmente potranno trovare spazio anche nelle serie superiori."

- Attingerete di nuovo dal settore giovanile della Vuelle per completare il vostro roster?
"La collaborazione con Vuelle andrà sicuramente avanti. Credo che riavremo quei ragazzi che si divideranno tra il campionato Under 18 e la Serie C Gold, come accaduto nella scorsa stagione. Parliamo di giocatori classe 2001 e 2002, quindi molto giovani, con i quali dovremo lavorare forte per metterli nelle condizioni di fare bene e di calarsi subito in una realtà dura come un campionato senior. Nei prossimi giorni vedremo, d'accordo con la Vuelle, quali giocatori potranno far parte della nostra squadra."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: