Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Vuelle Pesaro, Paul Eboua ''La squadra che sta nascendo mi piace, sono convinto di poter crescere molto''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/15-07-2019/vuelle-pesaro-paul-eboua-squadra-nascendo-piace-sono-convinto-poter-crescere-molto-600.jpg

Social

Paul Eboua è uno dei volti nuovi della Vuelle Pesaro. Un giocatore di grande talento e di sicuro interesse non solo in Italia ma anche a livello internazionale come dimostra il fatto di essere stato tra i 43 migliori prospetti a livello internazionale, invitati a partecipare al Basketball Without Borders Global Camp di Los Angeles, manifestazione compresa nell’Nba All Star Weekend. L'ala classe 2000 è entrato anche nei radar degli scout NBA, tanto che nelle scorse settimane è stato impegnato in alcuni workout con diverse franchigie. Queste le prime parole del giocatore cresciuto nel settore giovanile della Stella Azzurra Roma, pubblicate nell'edizione odierna de Il Resto del Carlino:

"Non vedo l’ora di iniziare, sono molto felice di essere arrivato a Pesaro. Sia per la città, ma soprattutto perché è una delle piazze storiche del basket in Italia. La squadra che sta costruendo la società è molto giovane questo mi piace perché sono convinto di poter imparare e crescere quest’anno. Ne ho parlato anche con coach Perego, a lui piace molto lavorare con i ragazzi e punta tanto sui giovani, quindi non vedo l’ora di iniziare anche io ad allenarmi con lui."

Pesaro potrebbe essere un vero trampolino di lancio per Eboua, verso un sogno chiamato NBA: "Tutte queste esperienze mi hanno aiutato tantissimo a crescere: i camp internazionali che ho fatto in America sono stati un’esperienza che porto dentro e che mi danno la spinta per lavorare forte. So che il livello è molto alto oltreoceano, quindi avendo fatto questo percorso so cosa vuol dire lavorare duro. Molto utili anche le trasferte europee che ho fatto con la Stella Azzurra in questi anni."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: