Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Colpaccio Fochi Pollenza, dalla Vigor Matelica arriva l'esterno Bujamin Selami

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/24-07-2019/colpaccio-fochi-pollenza-vigor-matelica-arriva-esterno-bujamin-selami-600.jpg

Social

Nome: Bujamin Selami
Ruolo: Playmaker - Guardia
Nazionalità: ITA - ALB
Data di nascita: 09/09/1999
Altezza: 178cm
Peso: 70kg

Bio: Bujamin conosce la palla a spicchi all’età di sette anni. Da lì, il via ad una carriera che lo vedrà legato, sin da piccolo, al destino del Vigor Basket Matelica. Dopo le prime esperienze giovanili, data la mancanza di giocatori disponibili, Bujamin si aggrega al collettivo che nasce dalla fusione di tre diverse società: Matelica, Castelraimondo e San Severino. Saranno due i titoli regionali conquistati da questo mix esotico, prima che la squadra si sciolga. Una volta chiuso questo importante capitolo della sua carriera cestistica, il ragazzo torna a vestire la maglia del Matelica. Due anni dopo, arriverà la convocazione in prima squadra. Un traguardo importante per Bujamin, che comporterà oneri e onori: oltre alla gratificazione personale, c'è da farsi carico di responsabilità importanti. Bujamin matura e comprende fino in fondo quanti sforzi richieda allenarsi a ritmi sostenuti, facendo tesoro dell’esperienza e delle dritte dei veterani in squadra.

He speaks: «Vestire la maglia dei Fochi, per me, equivale ad un salto nel vuoto. Dopo tanti anni a Matelica, volevo provare cosa significa abbandonare il proprio “nido” e gettarsi nella mischia, “lontano” da casa. Da questa squadra mi aspetto davvero tanto. L’obiettivo? Fare del nostro meglio, sempre, lasciando tutto quel che abbiamo sul parquet. In campo scendiamo in cinque, è vero, ma i Fochi dispongono di un sesto uomo: la tifoseria, ormai marchio di fabbrica, che sono sicuro ci sosterrà fino all’ultimo secondo. Muoio dalla voglia di indossare scarpe e canotta, e intraprendere questo fantastico viaggio insieme ai miei nuovi compagni e ai nostri tifosi!».

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: