Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

L'ItalBasket apre la seconda fase contro la Spagna, le parole di coach Sacchetti e Della Valle

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/05-09-2019/italbasket-apre-seconda-fase-spagna-parole-coach-sacchetti-valle-600.jpg

Social

Inizia la seconda fase della FIBA World Cup. Con un volo di poco più di un’ora, la Nazionale si è trasferita oggi da Foshan a Wuhan, capoluogo della provincia dello Hubei alla confluenza del Fiume Azzurro, il più lungo corso d’acqua asiatico e il terzo al mondo. E’ qui che l’Italia si giocherà il passaggio ai quarti di finale sfidando la Spagna (domani, 14.30 italiane su Sky Sport Uno e Arena) e il Portorico (domenica, ore 10.30 italiane su Sky Sport Uno e Arena) rispettivamente prima e seconda del gruppo C, quello giocato a Guangzhou.

Nel gruppo J anche la Serbia, che come gli spagnoli ha vinto il proprio raggruppamento e si presenta al via con 6 punti, frutto di tre vittorie in altrettante gare nella prima fase. Al terzo posto gli Azzurri con due vittorie e una sconfitta. Identico bottino per il Portorico, che però è al quarto posto per differenza canestri. Tutte le formazioni non potranno affrontare la squadra già incontrata nel primo girone. Ai quarti le prime due classificate. Per accedere ai quarti, l’Italia deve battere Spagna e Portorico per poi tifare Serbia contro gli iberici. Con due vittorie Azzurre e il successo spagnolo contro i serbi, classifica avulsa. In caso di sconfitta domani contro la Spagna, Italia eliminata.

Così Meo Sacchetti: “Il match contro la Serbia ci ha dato buone indicazioni sotto alcuni punti di vista e vogliamo ripartire proprio dalle cose positive che abbiamo messo in campo ieri sera. Anche la Spagna è un avversario impegnativo ma siamo alla seconda fase di un Mondiale ed è normale trovarsi di fronte i migliori. Dovremo rimanere concentrati fin dall’inizio e fare la nostra partita. Rispetto alla gara contro i serbi dovremo però trovare energie da tutti i nostri giocatori e non solo da alcuni. I ragazzi sono concentrati e pronti a dare il massimo”.

Dello stesso avviso Amedeo Della Valle: “Gli spagnoli hanno molto talento in diverse parti del campo. Dobbiamo ripartire dai trenta minuti contro la Serbia e sforzarci di rimanere in gara anche nei restanti dieci. Sappiamo che sarà difficile ma sappiamo anche di potercela fare”.

Tra le Nazionali più forti d’Europa e del Mondo, la Spagna è arrivata al Mondiale depotenziata rispetto a qualche anno fa. Sono fuori Pau Gasol, Sergio Rodriguez, Nikola Mirotic, Serge Ibaka e Alex Abrines ma coach Sergio Scariolo, neo campione NBA con i Raptors, può contare sui veterani Marc Gasol, Rudy Fernandez, Sergio Llull e Ricky Rubio, affiancati da volti nuovi (per la Roja) come quelli di Quino Colom, quasi 14 punti di media nelle qualificazioni alla FIBA World Cup.
“L’Italia – ha detto Scariolo – è al nostro livello e dovremo giocare al 100% per vincere”.

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: