Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Aquila Basket Trento, coach Brienza traccia un bilancio della prima parte della preparazione

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/10-09-2019/aquila-basket-trento-coach-brienza-traccia-bilancio-prima-parte-preparazione-600.jpg

Social

La vittoria del Memorial Brusinelli ha portato la Dolomiti Energia Trentino a metà del suo percorso di amichevoli in preseason: dopo la sconfitta nella “primissima” con Cremona, i bianconeri hanno superato Verona, Pesaro e la stessa Vanoli. A poco più di due settimane dalla prima palla a due “ufficiale” della stagione è tempo di fare il punto della situazione per il nuovo coach bianconero Nicola Brienza, che ha parlato in conferenza stampa nella sede di CasaTua a Trento nella sede in cui è stata ufficializzata la partnership fra il club bianconero e Gruppo Paterno.

NICOLA BRIENZA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Sono molto contento del modo in cui la squadra sta lavorando e vivendo questa fase della preparazione: al di là dei risultati delle ultime due partite, siamo soddisfatti di quanto visto in campo al Memorial Brusinelli. Siamo con i piedi ben piantati per terra, perché è solo preseason e quindi prendiamo i riscontri positivi e lavoriamo sodo sui feedeback negativi. Abbiamo qualche settimana per migliorare ed arrivare al massimo della forma possibile per la prima giornata di campionato, vogliamo presentarci al top quando le partita conteranno davvero.

La cosa che apprezzo di più della squadra fino ad oggi è il piacere che i ragazzi mostrano nel giocare assieme, nel condividere il pallone, la disponibilità che hanno a passarsi la palla rinunciando ad un buon tiro per crearne uno ancora migliore a un compagno. Questa credo sia la miglior base possibile su cui costruire poi i tanti “pezzi” che ancora ci mancano, come è normale che sia, in difesa e in attacco”.

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: