Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Olimpia Milano, il Trofeo Giannakopoulos ha chiuso il precampionato. Da Giovedì è campionato

Il precampionato dell’Olimpia? 10 partite, di cui nove fuori Milano, uno scrimmage a porte chiuse, quattro tornei, cinque squadre di EuroLeague affrontate, due viaggi aerei, a Cagliari il primo, ad Atene il secondo. Una cena di gala sotto l’Acropolis per celebrare il Trofeo Giannakopoulos, organizzato dal Panathinaikos, con 15.000 spettatori presenti la prima sera, anche se molti sono arrivati solo per la prova della squadra di casa. E come premio, al ritorno, oltre ad un ritardo aereo di un’ora, il Media Day di EuroLeague a prolungare il weekend “on the road” in Grecia.

In tutto quasi sei settimane di passione prima di debuttare in campionato a Treviso. Sei settimane in cui Kaleb Tarczewski (a Lucca) ha vinto il primo trofeo di MVP della carriera; Sergio Rodriguez ne ha vinti due (a Castelletto e Cagliari), ad Atene non l’ha vinto nessuno, perché non era previsto. La squadra è però rientrata a Milano con il trifoglio gigante del Panathinaikos, consegnato alla squadra vincitrice del trofeo.

Ricorderemo di Atene, la cena sotto l’Acropoli su una veranda, quattro squadre di EuroLeague una accanto all’altra. Come schierate erano state quando il palasport di OAKA, il perimetro olimpico di Atene, aveva celebrato Thanassasis Giannakopoulos, fratello di Pavlos, cui è stato dedicato un “banner” per ricordarne le gesta come proprietario del club. Ma ricorderemo anche la stoppata di Kaleb Tarczewski su Tarik Black nel quarto quarto. Il duello tra Sergio Rodriguez e Ali Muhammed del Fenerbahce nel primo tempo; quello tra lo stesso Chacho e Scottie Wilbekin del Maccabi in finale; il 5/5 da tre in due partite di Amedeo Della Valle; il coraggio di Paul Biligha contro centri (molto) più alti e grossi di lui; lo sky-hook vecchia scuola di Vlado Micov contro il Maccabi. E qui tutti gli highlights del torneo.

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: