Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

L'Aurora Jesi rischia l'harakiri ma alla fine doma il Teramo Basket

Micevic in panchina. Così inizia la prima partita della nuova stagione in Serie B per l’Aurora Basket Jesi, con Coach Valli che schiera Bottioni, Pederzini, Lovisotto, Magrini e, neanche dirlo, il capitano Casagrande. Se il primo quarto jesino non è la perfezione, manca davvero poco. Ottimo tandem Pederzini-Magrini, in terzo tempo in scioltezza a sinistra. A mettere il piede avanti è Casagrande (8-7). E Jesi va via in relax, sfruttando ogni buccia di banana degli avversari e infilando tiri in velocità e tiri liberi, mentre i ragazzi di Coach Cillo fanno appena 1/6 ai liberi. Canestro valido e fallo subito il più gettonato modus operandi degli arancioblu, che chiudono il primo quarto sul 27/14, ma con tre falli già collezionati da Casagrande.

La doppia tripla di Giampieri mette il nos a squadra e tifoseria, e in un tripudio di tamburi l’ex Goldengas Senigallia continua a segnare a più non posso: per lui 12 a referto. Teramo continua a steccare da ogni distanza e l’Aurora ne approfitta per fare bella figura davanti al pubblico casalingo: 850 i biglietti staccati per l’esordio stagionale. Timeout che sa di disperazione quello teramano (45/26), e Jesi non può che lavorare di pennello. Dubbi i falli in attacco fischiati dalla terna, tanto da iniettare un po’ di nervosismo fra le fila aurorine e lasciare spazio per le prime realizzazioni teramane che avvicineranno pericolosamente gli ospiti all’Aurora Jesi. A realizzare da tre sulla sirena è Nolli. Il primo tempo si chiude sul 49/35.

A canestri invertiti l’Aurora non convince: con la stanchezza come alibi, Jesi commette errori impensabili fino a pochi minuti fa. Sul vantaggio di +12 (56/44) Coach Valli chiama timeout. Buona la performance di Lovisotto, costante e attento. Pesa in questo frangente l’assenza del big Micevic, che avrebbe traghettato i suoi verso a sigillare la vittoria della serata. Il terzo quarto si chiude, in ogni caso, su un valido +15 (65/50).

Evergreen Giampieri, dal recupero palloni ad assist ben serviti. E mentre il pubblico jesino si scalda, la terna continua ad avere un brutto rapporto con i falli in attacco. Poi proprio Giampieri abbandona il campo per un infortunio –verosimilmente alla caviglia- dopo un contrasto in attacco. Si assottiglia il margine di distacco, fino ad appena +6 (72/66) a tre minuti alla fine. Ma una cosa va detta: non è Teramo che è si è migliorata, è Jesi che si è addormentata. Tripla malefica di Lestini da tre ed è il caos (72/69). Di Bonaventura tira da tre, sbaglia, palla blu. Novanta secondi per non fare figuracce, novanta secondi per portare a casa i primi due punti dell’anno. Gli errori al tiro di Lestini fanno tirare un sospiro di sollievo a Jesi, ed è timeout quando mancano appena 34 secondi (72/69). Bottioni fa fallo, Montanari lo mette ed è puro panico (72/70). Cinque secondi. Tutto è bene quello che finisce bene, con Bottioni che segna l’ultimo libero.

Poteva essere una partita in scioltezza, è stata una partita al caldiopalmo. Jesi vince 73/70. Il prossimo turno l’Aurora sarà impegnata in trasferta a Cesena (prima sorpresa d’esordio, sconfitta nell’anticipo di sabato per 66/62 da Ozzano), mentre Montegranaro giocherà in casa contro Faenza, Ancona ospiterà Ozzano e Senigallia giocherà in casa contro Piacenza. Il derby è servito a Porto Sant’Elpidio, ospite Civitanova Marche.

Aurora Basket Jesi - Adriatica Press Teramo Basket 1960 73-70 (27-14, 22-21, 16-15, 8-20)

Aurora Basket Jesi: Mattia Magrini 18 (7/11, 0/2), Isacco Lovisotto 14 (5/9, 0/1), Fabio Giampieri 12 (2/2, 2/2), Riccardo Bottioni 9 (3/8, 0/1), Riccardo Casagrande 8 (3/5, 0/1), Riccardo Pederzini 7 (3/8, 0/1), Noah Giacche' 5 (1/2, 1/3), Yusupha Konteh 0 (0/0, 0/0), Babacar Kouyate 0 (0/1, 0/0), Marko Micevic 0 (0/0, 0/0), Pietro Montanari 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 16 / 25 - Rimbalzi: 40 9 + 31 (Isacco Lovisotto 12) - Assist: 15 (Mattia Magrini, Riccardo Pederzini 4)

Adriatica Press Teramo Basket 1960: Giorgio Di bonaventura 19 (7/10, 1/6), Federico Lestini 15 (4/9, 2/6), Lorenzo Nolli 9 (0/1, 3/8), Marco Montanari 8 (1/2, 1/6), Mattia Melchiorri 7 (1/2, 1/2), Robert Banach 4 (2/3, 0/0), Valerio Cucchiario 4 (2/2, 0/0), Salvatore Forte 2 (1/2, 0/4), Leonardo Del sole 2 (1/3, 0/0), Davide Di eusanio 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 8 / 17 - Rimbalzi: 27 5 + 22 (Giorgio Di bonaventura 9) - Assist: 13 (Marco Montanari 4)

Nicoletta Canapa

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: