Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Upr Montemarciano, coach Luconi ''Todi fortissima. Noi non ci siamo mai arresi e di questo sono soddisfatto''

Sfortunato esordio per l'Upr Montemarciano che viene sconfitto in casa dal Basket Todi. E' coach David Luconi a tracciare un bilancio del primo appuntamente ufficiale della stagione:

"Todi s'è dimostrata, come nelle previsioni della vigilia, una squadra fortissima. Attrezzata in ogni ruolo, con qualità tecniche, fisiche e caratteriali notevoli nonché molto ben allenata; chiaramente non conosco ancora il livello del campionato ma... se tanto mi fa tanto... credo che gli umbri siano di un altro livello e, comunque, superiori anche ad alcune squadre di C Gold. Giocatori come Marzullo, che nessuno di noi sapeva fosse così forte, e Visigalli sono di livello superiore; se a questi aggiungiamo gente del calibro di Agliani, Simoni, Trastulli e Varriale che nonostante non abbia giocato bene è noto per sapere fare la differenza ecco che il roster umbro rappresenta quanto di meglio ci possa essere nella categoria.

Noi abbiamo combattuto, forse non al massimo delle nostre possibilità come, invece, dovremo fare quando ci saremo equilibrati al meglio e avremo compreso leadership e caratteristiche della nostra squadra nonché migliorato il nostro gioco d'assieme; al momento, possiamo ritenerci soddisfatti di una prestazione che ha evidenziato voglia di non arrendersi mai e di passarsi la palla con continuità. Dovevamo gestire meglio i parziali negativi cercando di non precipitare sotto dei gap poi difficilmente colmabili ma accoppiarsi difensivamente con gli umbri non è stato sempre possibile a causa di una diversa visibile fisicità.

Sicuramente un paio di fischi difficili da comprendere non ci hanno avvantaggiato; parlo dell'evidente contatto subito da Federico Savelli a rimbalzo sul meno 11 ma in piena rimonta dopo l'intervallo con la palla che è finita a un giocatore del Todi che poi ha subito fallo e tirato 2 liberi e di quello fischiatoci a rimbalzo difensivo sul meno 8 quando a 30 secondi dalla fine del 3° quarto avevamo catturato la palla e stavamo andando in contropiede; un contatto segnalato dall'arbitro di testa, ossia quello distante dalla palla, ma ignorato dall'arbitro posto sotto il canestro e vicino all'azione. In quella circostanza eravamo in bonus e dal possibile meno 8 siamo tornati a meno 10.

Spero in futuro si faccia maggiore attenzione anche se, il fatto che uno degli arbitri fosse un esordiente nella categoria, può andare a parziale scusante dell'accaduto e di una gestione di gara che ha permesso agli ospiti di protestare su tutti i i fischi e ha visto noi puniti con un tecnico in un azione di difesa nella quale mancavano 3 secondi alla fine dei 24 e il loro giocatore era chiuso e impossibilità di andare a canestro."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: