Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

EuroCup: la Reyer Venezia è sconfitta sul campo della Lokomotiv Krasnodar

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/09-10-2019/eurocup-reyer-venezia-sconfitta-campo-lokomotiv-krasnodar-600.jpg

Social

Non riesce all’Umana Reyer l’impresa sul campo di Krasnodar: il match della seconda giornata di 7Days Eurocup si chiude con la vittoria del Lokomotiv Kuban per 77-63. Lo starting five orogranata vede in campo De Nicolao, Tonut, Bramos, Daye e Vidmar. L’Umana Reyer parte con una buona circolazione di palla e Tonut (4 punti), Daye e De Nicolao, ben imbeccati, firmano il 5-8 al 3’30”. La risposta russa è un 9-0, per il 14-8 al 6′. E’ Udanoh, subentrato a un Daye con già due falli, a sbloccare gli orogranata dopo 3’30” e Chappell riavvicina subito dopo la squadra sul 14-12 (8′), ma nel finale di tempo arriva solo un canestro di Watt e al 10′ è così 19-14.

L’Umana Reyer parte bene nel secondo quarto, con una difesa che mette in difficoltà Kuban e l’attacco che ricuce sul 19-18 al 12′. Vidmar spende il terzo fallo, ma forma anche la parità a quota 23 (13’30”), poi gli orogranata tornano anche in vantaggio: 25-26 al 15’30” con la tripla dall’angolo di Daye, servito da Chappell. La seconda metà di periodo, però, è del Lokomotiv, che trova il +8 sul 38-30 al 19′ e va negli spogliatoi avanti 38-31 dopo il libero di Daye. La ripresa inizia male per l’Umana Reyer, che vede Kuban allungare fino al 45-31 al 23′, con pronto time out di coach De Raffaele. Alla ripresa emtrano Tonut, Bramos e Vidmar, che sblocca gli orogranata, dando il là a un’ottima fase per l’Umana Reyer. La tripla di Bramos costringe la panchina russa al time out sul 47-39 al 26′, ma l’inerzia non cambia: è ancora Vidmar il protagonista, assieme alla reattività a rimbalzo offensivo, così si arriva agli ultimi 2′ del periodo sul 51-48, con la tripla del pareggio di Bramos che esce con sfortuna. Il Lokomotiv, così, ne approfitta e va all’ultimo intervallo sul 56-48.

Anche nell’ultimo parziale gli orogranata partono con qualche errore e palla persa di troppo, con Kuban subito a +11 (59-48), così come sul 61-50 al 33’30”, sul quale la panchina veneziana è costretta al time out. Daye muove il punteggio dell’Umana Reyer (61-52 al 34′), ma l’inerzia resta russa e il Lokomotiv vola sul 69-52 al 36’30”. Due triple di Tonut sono il sussulto per una squadra che non vuole arrendersi (71-58 al 37’30”, 72-60 al 38′ con Daye), ma il tempo a disposizione è troppo poco per cambiare le sorti dell’esito della partita, che si chiude sul 77-63.

Lokomotiv: Dekker 15, Cummings 14, Motovilov ne, Fridzon 5, Apic 6, Kalnietis 6, Ivlev, Ilnitskiy, Williams 12, Kulagin 14, Gerasimov ne, O’Bryant 5. All. Banchi.

Umana Reyer: Udanoh 2, Stone 2, Bramos 5, Tonut 10, Daye 14, De Nicolao 3, Filloy 3, Vidmar 9, Chappell 4, Pellegrino ne, Cerella, Watt 11. All. De Raffaele.

Parziali: 19-14; 38-31; 56-48.

Fonte: ufficio stampa Reyer Venezia

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: