Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Thunder Matelica - Fabriano cede nel 2° tempo e viene sconfitta sul campo del Rimini Happy Basket

La Thunder Matelica-Fabriano torna a mani vuote dalla trasferta sul campo dell'Happy Basket Rimini e subisce la seconda sconfitta in altrettante gare giocate di questa nuova stagione. Queste le parole di coach Rapanotti al termine dell'incontro:

"Abbiamo avuto un ottimo approccio rispettando il piano partita che prevedeva di abbassare i ritmi. Siamo andati al riposo in parità perché abbiamo pagato delle percentuali ancora insufficienti pur da tiri costruiti. Nel terzo quarto abbiamo subito un blackout in tutti e due i lati del campo, mentre nell'ultimo parziale abbiamo reagito e siamo tornati a meno 2 con palla in mano ed inerzia dalla nostra parte. Li abbiamo perso una palla sanguinosa a metà campo e forzato un tiro senza logica beccando un 5 a 0 che ha chiuso la partita. Ora abbiamo il turno di riposo e quindi due settimane per recuperare le infortunate e preparare la partita in casa con Senigallia. È arrivato il momento di prendere i primi due punti, le ragazze lo meritano."

Happy Basket Rimini -Thunder Matelica-Fabriano 56-45
(8-14; 17-10; 17-8; 14-13)

Rimini: Novelli 11, Nanni, La Forgia ne, Vespignani 21, Duca E. 4, Duca N., Palmisano 4, Renzi 8, Farinello, Borsetti 2, Tiraferri 6, Girelli. All. Rossi

Matelica: Michelini 14, Franciolini 13, Baldelli 7, Ricciutelli 3, Stronati 2, Sbai 1, Zito, Ceccarelli, Bernardi 4, Pecchia L. 1, Gargiulo ne. All. Rapanotti.

Arbitri: Cieri di Ravenna e Neri di Cesena

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: