Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Nota ufficiale dello Sporting Club JuveCaserta sull’ultima azione della gara contro Roseto

In relazione al canestro che ha deciso il confronto tra la nostra squadra e Sapori Veri Roseto degli Abruzzi, lo Sporting Club Juvecaserta, esclusivamente per ristabilire la verità dei fatti e senza nulla togliere al successo degli abruzzesi, ritiene opportuno evidenziare che, dalle prove televisive e fotografiche in suo possesso, l’ultima azione risulta falsata da due errori, imputabili alla terna arbitrale ed al tavolo degli ufficiali di gara.

Nel momento in cui lo stop lamp è accesso ed il tabellone segna 0, come risulta evidente dalle foto allegate al presente comunicato, la palla è ancora nelle mani del giocatore Mouaha e, perciò, a norma di regolamento, il canestro non doveva essere convalidato dalla terna arbitrale.

Dall’esame del filmato, poi, si rileva che conteggiando la durata dell’ultima azione, che sarebbe dovuta partire ad un secondo e 41 centesimi dal termine – il tempo era bloccato e c’era stato un timeout – la stessa è durata un secondo e 91 centesimi a conferma del ritardato avvio del cronometro da parte dell’ufficiale di gara.

Tanto si ritiene opportuno precisare senza alcun spirito polemico, ma soltanto per ristabilire l’esatta verità dei fatti, evitando interpretazione distorte – che pur sono apparse su vari organi di stampa e sui social – e, soprattutto, chiedendo agli Organi Federali – cui è stata inviata la relativa documentazione – di intervenire, per quanto nelle sue possibilità, per evitare il ripetersi di errori che finiscono con inficiare la regolarità delle gare.

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: