Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Poderosa Montegranaro, coach Ciani ''Abbiamo sciupato una grande occasione, ci è mancato il cinismo''

Queste le parole di coach Ciani in sala stampa al termine della gara persa dalla sua Poderosa Montegranaro contro l'Assigeco Piacenza:

«Per l’opposto dei motivi per i quali eravamo contenti sette giorni fa oggi non lo siamo. Abbiamo sciupato un’occasione che speriamo non sia irripetibile, nel senso che speriamo di trovarci ancora in casa avanti di 15 a 7’ dalla fine. Una partita nata in salita, contro una squadra che senza un giocatore importante come Ogide si è compattata e ci ha costretto a stravolgere le tematiche tattiche del match.

Abbiamo avuto la capacità di girare piano piano la partita e di metterci nelle condizioni ottimali per portarla fino in fondo. Dopodichè abbiamo commesso una serie di errori e ci è mancato quel cinismo da veterani che avevamo mostrato a Imola e che oggi ha avuto Piacenza. Dei singoli parleremo in settimana, ma come squadra ad un certo punto abbiamo smarrito quel filo logico che ci aveva condotto ad un parziale pazzesco da fine primo quarto a inizio quarto quarto. Apparentemente è inspiegabile perché abbiamo smesso di giocare di colpo, lo andremo ad analizzare in settimana. Alcuni episodi ci hanno penalizzato sicuramente, penso ai due antisportivi o al canestro da tre di tabella di Santiangeli, ma dobbiamo ragionare su come abbiamo permesso loro di riprendere il controllo del ritmo.

E quanto una partita che pensavi di aver vinto diventa una gara punto a punto devi ritrovare la solidità e la convinzione per fare l’ultima difesa o l’ultimo tiro, sapendo che ti manca una giocata per vincerla. Questa giocata è meglio farla in difesa perché è preferibile non far segnare gli altri che dover poi fare un numero in attacco. Noi non abbiamo fatto né l’una né l’altro e ora siamo qui a flagellarci per una sconfitta che sembrava scongiurata. C’è tanto equilibrio e proprio per questo sciupare un’occasione del genere è colpa grave. Colpa che dovremo espiare e dimenticare il più in fretta possibile».

Foto di Alfonso Alfonsi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: