Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Victoria Fermo esulta nella gara d'esordio. Ascoli Basket battuto dopo un supplementare

Esordio vittorioso nel campionato 2019-20 per la Marcozzi Fermo che all’overtime riesce ad avere la meglio sull’Ascoli basket per 82 a 78. Partita dal finale al cardiopalma, dopo che la squadra del neo coach Cicchitti aveva dominato in lungo e largo per gran parte del match. L’equilibrio dei primi minuti di gioco è rotto dalle penetrazioni di Lodico e dalla tripla di capitan Ricci che danno il primo breack sul finire del I quarto di gioco sul 24 a 17. L’inerzia della gara è saldamente nelle mani dei fermani che spinti in cabina di regia da Cinti autore di 14 punti e 4 assist pur con un orrendo 3 su 9 ai liberi, e dalle triple di Pelacani e Lodico, arrivano al massimo vantaggio sulla sirena di metà gara sul 49 a 33.

La Marcozzi dei primi 20 minuti è un lontanissimo parente della squadra dell’ultima tribolatissima stagione. Il talento di Lodico e la sostanza di Ndour sotto canestro sono armi che mancavano in passato e che saranno una componente importante per la stagione appena cominciata. E’ chiaro che alla prima giornata, pretendere altri 20 minuti come i primi sarebbe troppo; Ascoli tenta di rientrare in partita seppur Ricci sia implacabile da tre e Ndour abbia la meglio sotto la plance nel confronto con Mazzella; il divario viene ridotto a 11 lunghezze al 30’ grazie ai canestri di Ciccorelli ed Horvat che ridanno un po di speranza agli ospiti che hanno anche perso per infortunio Nanni a metà quarto. Sul 63 a 52 inizia l’ultimo quarto che vede sempre Horvat scatenato ricucire il gap col sorpasso sul 66 a 67 a pochi istanti dalla sirena finale.

La Marcozzi è in debito di ossigeno dopo aver spinto per 30 e passa minuti sull’acceleratore, si trova con le spalle al muro quando a 30 secondi dal termine sul 68 a 69, Mazzella fa un incredibile 0/2 dalla lunetta mentre Fenucci a 9 secondi dalla fine mette a segno solo 1 dei due liberi fissando la parita’ a 69. I restanti secondi non producono nulla per cui si va all’over time. Ci pensa pero’ Lodico con due bombe di fila a dare una spallata quasi decisiva al match seguito da Pelacani ed ancora Lodico che portano la Marcozzi in un amen sul 79 a 70. Mancano ancora piu di 3 minuti pero’ ed è ancora uno scatenato Horvat a riportare a meno 1 i bianconeri a ridosso del 45’; il 2/2 dalla lunetta di Lodico a pochi secondi dalla fine, fissa pero’ il punteggio sul 82 a 78 e la sospiratissima ma meritata vittoria per i padroni di casa.

Ottima la prestazione di tutta la squadra, pur con il neo di aver subito la rimonta ospite nel finale, anche a causa di una condizione che sicuramente andrà a migliorare con il tempo e che alla prima giornata non puo’ essere di certo ottimale. Lodico con 23 p.10 rimb e 5 rec sicuramente il migliore in campo a braccetto con il giovane ospite Horvat autore anche lui di una gran partita con 28 a segno. Da segnalare tra le fila giallo blu, l’esordio in categoria del classe 2003 Giacobbi che ha ampiamente dimostrato pur con emozione di tenere tranquillamente il campo. Ora la Marcozzi è attesa dalla prima trasferta a Morrovalle, dove cercare di confermare quanto di buono (tanto) visto nell’esordio.

Fermo: Ricci 10, Lodico 23, Hoxha, Giacobbi, D'Onofrio 2, Menghini ne, Cinti 14, Ndour 14, Pierantozzi 2, Mastroianni ne Fenucci 5, Pelacani 12. All. Cicchitti

Ascoli
: Regnicoli 4, Troiani 2, Mattei 12, Horvat 28, Banson, Ciabattoni ne, Rapposelli ne, Nanni 8, Ciccorelli 15, Mazzella 9. All. Caponi

Fonte: ufficio stampa Victoria Fermo

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: