Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Perugia Basket, coach Monacelli ''Vasto squadra da vertice, noi non abbiamo niente da perdere''

Niente da perdere. Ma comunque qualcosa da guadagnare. A prescindere da quella che sarà la sentenza di Vasto. Alla vigilia della sfida contro la formazione abruzzese, il coach del Grifo, Luca Monacelli, è ovviamente conscio di quali siano i rischi di una partita in cui, però, la sua squadra dovrà provare a dare risposte importanti. “Ci avviciniamo alla gara (palla a due al Pala Bcc alle ore 18) con la consapevolezza di non avere niente da perdere. Affrontiamo una squadra che alla fine del campionato sono convinto che sarà nelle posizioni di vertice. E’ un roster che ha fisicità, esperienza, talento, un ottimo regista come Lovatti, lunghi stranieri esperti ed un allenatore, Ambrico, che sa leggere davvero bene le partite”.

Se da una parte Monacelli nutre grande rispetto per l’avversario, dall’altra ha come di consueto massima fiducia nei suoi ragazzi che, in occasione del match di domani, conteranno su un compagno in più. “Rientrerà Lorenzo Righetti - precisa il coach biancorosso - e ci darà una grossa mano dal punto di vista fisico e non solo. Per la prima volta dall’inizio della stagione avremo “solo” due assenti”. Ai presenti il compito di fare tesoro di quanto successo nelle prime gare del campionato anche e soprattutto rispetto alla capacità di riuscire a leggere meglio alcune fasi di gioco.

A tal proposito, Monacelli entra nei dettagli: “Premetto che in una squadra giovane non è una cosa così scontata ma, dall’inizio della stagione, sto chiedendo ai miei giocatori di sviluppare la capacità di saper reagire ai momenti negativi. Se in un passaggio a vuoto una squadra riesce a tenere botta è un conto, anche perché molte gare tendono a risolversi alla fine. Se, invece, in un momento no si prende un break consistente poi si può fare poco per recuperare”.

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: