Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Titano San Marino verso la difficile sfida contro Urbania, le parole di coach Padovano

C’è Urbania sulla strada dei Titans e l’appuntamento è valido per la sesta giornata di C Silver del girone umbro-marchigiano (domani alle 18 al Multieventi). La Tiss’ You Care è pronta ad ospitare una squadra tradizionalmente da quartieri alti, che anche in questo inizio di regular season non sta tradendo le attese. Per i marchigiani quattro vittorie in cinque partite, con ko solo ad Acqualagna e resto delle partite giocate in maniera molto continua e ad alto livello: basti pensare che nei quattro successi i marchigiani hanno segnato 74.8 punti di media, restando sempre tra i 73 e i 78.

- Coach Padovano, qual è lo stato di salute del gruppo?

“Buono, i senior sono a posto. I ragazzi più giovani hanno qualche piccolo acciacco in più ma è normale viste le cinque gare in una settimana. Siamo pronti a questa partita importante”

- Qual è il tuo giudizio su Urbania?

“Beh, hanno vinto la regular season un anno fa e di quella squadra hanno cambiato poco, dunque restano di livello molto alto. Sono una delle candidate ai primi posti, hanno vinto su un campo complicato come quello di Todi e sono caduti ad Acqualagna, che però non è un parquet facile da espugnare”

- Cosa chiedi alla Tiss’ You Care per questa partita?

“Dobbiamo restare lucidi per 40 minuti, è questa la chiave per poter competere fino alla fine. Andare a sprazzi sarebbe pericoloso, per di più contro una squadra come Urbania. No a cali di concentrazione: loro sono fisici, difendono forte e hanno qualche giocatore atipico vicino a canestro che può dare molto fastidio. Bisogna proseguire a difendere forte per avere più tranquillità poi in attacco. Daremo battaglia”

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: