Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

L'ultimo tiro si spegne sul ferro e la Sutor Montegranaro lascia strada alla Teate Chieti

Gara vera doveva essere e gara vera è stata. Le premesse per un match non adatto ai deboli di cuore c’erano tutte, infatti, davanti a quasi 700 tifosi sutorini, si è giocato fino alla fine punto a punto, solo che stavolta, il tentativo da tre punti di Caverni sulla sirena ha danzato sul ferro per poi uscire. È stata la Teate Basket Chieti a spuntarla 83 -81 ma per tornare a casa con due punti hanno dovuto mettere in campo tutta la qualità del suo roster, dove Stanic e Ruggiero sono stati autori di due prove veramente sontuose.

Gli abruzzesi, pur avendo vissuto una prima fase di campionato fatta di alti e bassi, si sono dimostrati una squadra costruita per recitare una parte da assoluta protagonista in questo girone. Il roster dei teatini che si è visto sul parquet della Bombonera infatti, si è rivelato di primissima fascia e per tutto il match, Stanic e soci hanno giocato con il coltello fra i denti forti del desiderio di vendicare la sconfitta casalinga contro Senigallia della settimana scorsa. Sulla carta si presentava una sfida quasi proibitiva per gli uomini di coach Ciarpella che erano chiamati all’arduo compito di confermare il periodo positivo fatto di 4 vittorie in 6 gare.

Una sfida che per i due team dunque si preannunciava importante, per motivi diversi, il Chieti per ripartire la Sutor ma che coach Ciarpella ha dovuto affrontare senza Valerio Polonara, costretto ai box per via di una botta al ginocchio ricevuto in allenamento. Dalla parte della squadra ospite invece mancava Massimiliano Sanna ancora fuori dopo l’infortunio subito la scorsa settimana durante il match casalingo contro Senigallia.

Il quintetto titolare sutorino ha visto scendere in campo Caverni in cabina di regia con ai lati il duo veregrense Lupetti – Ciarpella e, ad agire sotto le plance Panzieri e Jovovic. Il primo periodo si è aperto con la tripla Lupetti che ha dato il via alle danze di un quarto che ha visto la Sutor recitare una parte di assoluta protagonista. Caverni e compagni sono riusciti a domare l’avversario riuscendo a prendere il largo fino al risultato di 28-21. Nel secondo quarto ci si aspettava la reazione ospite e così è stato. Stanic prende per mano i suoi, Ruggiero inizia a scaldare la mano da tre e così dopo 5 minuti Chieti e già avanti di due.

Inizia a soffrire la Sutor soprattutto sotto canestro dove si fa sentire in maniere più incisiva lo strapotere fisico degli avversari. Nonostante ciò i gialloblù continuano a mantenersi in scia fino alla fine del primo tempo che termina 48-46 per squadra di coach Coen. Il riposo dell’intervallo lungo giova di più agli ospiti che rientrano in campo subito con il piglio giusto prendendo il controllo del match. A salire in cattedra e Ruggiero che a suon di triple aumenta sempre di più il vantaggio che arriva a + 11 al termine del terzo quarto. A questo punto gli ultimi 10 minuti sembrerebbero già scritti ma non se giocato la Sutor.

I gialloblù non si danno per vinto e iniziano a avvicinarsi pian piano, dapprima con Tremolada che fa letteralmente sui i primi due minuti dal match accendendo la miccia che da il via alla rimonta. Stavolta in difficoltà va Chieti, la Bombonera inizia a scaldarsi e a gridare ma la vena realizzativa di Ruggiero sembra risentirne poco. L’ultimo giro d’orologio è una girandola di emozioni gli abruzzesi difendono con le unghie e con i denti il vantaggio che nel frattempo si è fatto di due punti, la Sutor ruggisce e sulla sirena ad elevarsi dalla linea dei tre punti stavolta è Caverni ma il suo tentativo sbatte sul ferro consegnando così la vittoria alla Teate Basket Chieti.

I ragazzi di coach Ciarpella alla fine si sono andati a prendere il meritato applauso da parte dei tanti supporters gialloblù che hanno potuto ammirare una squadra che si è dimostrata ancora una volta dura a morire. Un giorno di riposo e poi ci si rimette al lavoro in vista del prossimo impegno che attende la Sutor sabato sera prossimo sul parquet di Ozzano.

Sutor Premiata Montegranaro - Esa Italia Chieti 81-83 (28-21, 18-27, 16-25, 19-10)

Sutor Premiata Montegranaro: Riccardo Lupetti 23 (1/2, 5/11), Alessandro Panzieri 15 (5/9, 1/4), Michele Caverni 8 (1/6, 2/4), Michele Tremolada 8 (2/5, 0/3), Francesco Villa 8 (1/3, 1/4), Francesco Ciarpella 7 (1/4, 0/1), Matija Jovovic 5 (1/3, 1/1), Jacopo Ragusa 4 (1/2, 0/0), Riccardo Di angilla 3 (1/3, 0/0), Niccolo' Lucangeli 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 23 / 33 - Rimbalzi: 32 12 + 20 (Riccardo Di angilla 7) - Assist: 16 (Michele Caverni 5)

Esa Italia Chieti: Antonio Ruggiero 32 (7/12, 5/9), Nicolas Manuel Stanic 18 (8/11, 0/3), Riziero Ponziani 17 (6/8, 0/0), Fabrizio Gialloreto 6 (0/1, 2/5), Gianluca Di CL'uarmine 6 (3/3, 0/0), Massimo Rezzano 4 (1/3, 0/3), Adama Ba 0 (0/1, 0/0), Danilo Raicevic 0 (0/0, 0/0), Davide Meluzzi 0 (0/2, 0/1), Massimiliano Sanna 0 (0/0, 0/0), Nikola Mijatovic 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 18 - Rimbalzi: 39 7 + 32 (Riziero Ponziani 10) - Assist: 7 (Antonio Ruggiero, Nicolas manuel Stanic, Davide Meluzzi 2)

Fonte: ufficio stampa Sutor Montegranaro
Photo Credits: Alfonso Alfonsi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: