Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Posticipo, l'Olimpia Milano conquista una comoda vittoria contro il Pistoia Basket

L’Olimpia vince la sua terza in fila in campionato e lo fa nel modo giusto, ovvero senza soffrire e senza spremere nessuno contro Pistoia, anzi si può permettere anche di non usare Michael Roll nel secondo tempo, lui che era stato uno dei più pronti in avvio di gara. 83-63 il finale.

IL PRIMO TEMPO – Jeff Brooks sembra il primo a mettersi in ritmo, sia in attacco che in difesa: stoppa, prende rimbalzi, segna da tre e firma il sorpasso Olimpia dopo che D’Ercole aveva messo la tripla del 5-2 Pistoia. Shelvin Mack con due penetrazioni, anche dopo il secondo fallo di Nedovic, allunga a più sei forzando il primo time-out di Coach Carrea. Ma l’Olimpia non si ferma, Roll segna dall’arco, Biligha con un semigancio, anche White da tre. Il parziale è di 17-0, poi Petteway trova il bersaglio dall’arco. Pistoia chiude il primo quarto con un paio di sussulti, ma l’Olimpia è avanti 21-12. Il vantaggio tocca i 12 punti (tripla di Cinciarini), poi Salumu completa un gioco da tre punti e Pistoia rientra a meno otto.

Dopo una sfuriata da cinque punti consecutivi di Brooks, Wheatle pesca una tripla di tabella e ricuce a meno sette quando Pistoia prova la zone-press a tre quarti di campo, abbassando il ritmo. Con il bonus bruciato presto, Pistoia usa i tiri liberi (11/13 a metà gara) per rientrare a meno cinque, con Nedovic carico di tre falli. Questo costringe Messina a riproporre Michael Roll, il cui primo tempo è chirurgico: segna otto punti, con 3/4, e ruba il pallone che genera due tiri liberi di Tarczewski, per il nuovo più 10. L’Olimpia allunga verso la fine del tempo, bruciando la sirena con un rimbalzo d’attacco di Tarczewski che vale il 42-28.

IL SECONDO TEMPO – Pistoia con un 6-0 ritorna a meno 10 dopo tre minuti di gioco nel terzo quarto. La replica dell’Olimpia arriva con due triple consecutive, di Brooks e White, con Messina che propone subito un quintettone in cui Micov gioca da guardia. Contro la zona, è lui a firmare la terza tripla del terzo periodo con la quale Milano allunga a più 17. In ritmo al tiro, l’Olimpia trova cinque punti di fila di Mack poi una tripla da nove metri di Nedovic e schizza a più 25 in un attimo, sul 61-36. Nedovic che sprigiona energia anche con tre falli sulle spalle produce un terzo periodo da 15 punti e alimenta un quarto da 33 punti di Milano, che vale il 75-43. Nel quarto periodo, l’Olimpia amministra la partita con il debutto in campo di Francesco Gravaghi, 16 anni. 83-63 il finale.

Per tabellini e statistiche complete CLICCA QUI

Fonte: ufficio stampa Olimpia Milano

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: