Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Gli errori ai tiri liberi condannano la Poderosa Montegranaro contro i Roseto Sharks

I liberi danno, i liberi tolgono. Se a Castellanza gli errori di Raivio avevano aperto le porte del supplementare e poi della vittoria alla XL EXTRALIGHT®, oggi quelli di Thompson condannano i gialloblu all’ennesima sconfitta con tanto amaro in bocca. La Sapori Veri Roseto costringe i veregrensi alla terza sconfitta interna su tre gare disputate dopo un match sulle montagne russe: prima sono i gialloblu a prenderlo in mano, salendo anche a +9 nel cuore del secondo periodo, poi nella ripresa sono gli abruzzesi a salire anche a +11 prima del convulso finale in volata. 

Rispetto a una settimana fa coach Ciani perdeva Berti per una distorsione alla caviglia e recuperava Palermo (seppur non in perfette condizioni), ma in quintetto viene confermato Bonacini, assoluto protagonista contro l’Urania. I gialloblu ci mettono un po’ a prendere le misure all’atletismo di Canka e Bayehe, ma con un Mastellari infuocato ad indicare la via (11 punti con tre triple nel primo quarto) la Poderosa mette le freccia e decolla fino al +9 (29-20 al 12’ sul canestro del mezzo angolo di Conti).

La Sapori Veri porta la gara su ritmi alti e duelli rusticani in area e la XL EXTRALIGHT® va in blackout poco prima dell’intervallo lungo, che arriva provvidenziale a stoppare il buon momento rosetano (41-45). Al rientro dagli spogliatoi la Poderosa finisce sull’orlo del precipizio e a spingercela è il protagonista che non ti aspetti, l’ex di turno Ciribeni: quando la guardia portoelpidiense griffa la tripla del +11 biancoblu (48-59 al 27’) Palermo e compagni tremano, ma è proprio una tripla del capitano a rimettere in carreggiata la Poderosa. Cucci e Thompson fanno legna nel pitturato, Thomas scalda i reattori e a fine terzo periodo la gara è di nuovo senza un padrone con la parità a quota 70.

Gli ultimi 10’ sono di autentica guerriglia. Il bel gioco lascia spazio a ritmi indiavolati ma anche ad una marea di errori da ambo le parti, errori frutto di una intensità da playoff. L’ultimo canestro della serata, quello del sorpasso rosetano che poi si rivelerà definitivo, è quello di Mouaha quando ancora mancano due minuti e mezzo dalla sirena: da lì in avanti nessuna delle due squadre sembra volerla vincere. Nikolic prova ad ucciderla con una tripla a 16” dalla sirena, ma il suo tiro è cortissimo.

La XL EXTRALIGHT® ha in mano il suo destino e lo affida alle mani di Thomas: dal mezzo angolo, sopra a due maglie azzurre, il suo tiro finisce sul ferro, ma a rimbalzo d’attacco il più lesto è Thompson, fermato col fallo da Lattin mentre sta per correggere a canestro con 1” ancora sul cronometro. Ci sono due liberi, con uno si pareggia, con l’en-plein si sorpassa. Ma il pivot gialloblu fa cilecca, a rimbalzo Nikolic non si fa sorprendere e Roseto torna a far festa dopo due sconfitte in fila. La Poderosa, invece, torna sott’acqua: e con all’orizzonte il trittico Udine-Forlì-Ferrara riemergere non sarà per nulla semplice.

XL EXTRALIGHT® MONTEGRANARO-SAPORI VERI ROSETO 78-79

MONTEGRANARO: Thompson 11, Miani ne, Angellotti ne, Mastellari 11, Conti 2, Palermo 3, Bonacini 9, Berti ne, Thomas 22, Cucci 11, Serpilli 9. All.: Ciani.

ROSETO: Mabor ne, Lattin 6, Giordano, Menalo, De Fabritiis, Mouaha 8, Canka 17, Nikolic 7, Oliva ne, Ciribeni 12, Bayehe 20, Pierich 9. All.: D’Arcangeli.

PARZIALI: 20-20, 21-25, 29-25, 9-8.

Fonte: ufficio stampa Poderosa Pallacanestro Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: