Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Un monumentale Tortolini lancia l'Amatori San Severino alla vittoria sul campo dei Fochi Pollenza

Un monumentale Tortolini guida la Rhutten San Severino alla vittoria contro i Fochi Pollenza. In un solo colpo i ragazzi di coach Sparapassi sfatano tre tabù: vincono la prima gara in trasferta della stagione, sconfiggono per la prima volta i Fochi in quel di Pollenza e finalmente riescono a vincere una gara di venerdì sera (tra la scorsa stagione e l’inizio di questa erano state 6 sconfitte su 6 incontri). Vittoria sofferta ma meritata contro una formazione che non merita di occupare l’attuale ultimo posto in classifica: la rosa a disposizione di Luciani è cambiata molto rispetto alla scorsa stagione quindi è normale che abbia bisogno di più tempo per poter ritornare protagonista come negli ultimi anni.

La Rhutten, per la prima volta in stagione, riesce a presentarsi con la rosa quasi al completo (ai box per qualche altro giorno solo Matteo Foglia) visti i recuperi dell’ultima ora di capitan Cruciani e di Severini. Un gruppo che è sempre più coeso, che si diverte ad allenarsi e a giocare insieme, che comincia ad essere consapevole della propria forza. Un mix tra giovani e veterani che riesce finalmente a combattere contro formazioni più attrezzate (vedi Macerata e Pedaso) o in ambienti caldi (vedi Pollenza) dove il pubblico è il sesto uomo in campo: a proposito di sesto uomo la squadra e la società vuole ringraziare i tantissimi tifosi presenti nella trasferta di ieri sera……… ci avete fatto sentire come se fossimo al Palasport Ciarapica.

Il quintetto scelto da coach Sparapassi (Tortolini, Magrini, Massaccesi, Giuliani e Callea) inizia con il piglio giusto e riesce subito a prendere un discreto vantaggio chiudendo il periodo in vantaggio di 5 (18 – 13): nel secondo quarto, molto più equilibrato, i Fochi riescono ad avvicinarsi fino a raggiungere il -2 di metà gara (37 – 39). I settempedani non riescono a trovare il tiro da fuori (alla fine solo 6 tiri dalla lunga distanza senza nessun canestro) mentre i locali proprio grazie alle bombe dei vari De Marco, Luciani e Selami restano incollati alla gara.

Al ritorno in campo, dopo il riposo lungo, la gara resta equilibrata con le due formazioni che rimangono sempre incollate fino agli ultimi minuti dei tempi regolamentari. I Fochi riescono a prendere un piccolo vantaggio di 4 punti a poco più di 5 minuti dalla fine, ma i settempedani non mollano: nonostante qualche problema di falli, gli eccessivi falli antisportivi fischiati dagli arbitri (ben 5 contro i giocatori della Rhutten) e le non perfette condizioni di Severini e Cruciani i ragazzi del presidentissimo Ortenzi riescono a portarsi sul + 2 a pochi secondi dalla fine. Nell’azione successiva, a 2 secondi dalla fine, viene fischiato fallo di Magrini sul tiro dall’angolo di Selami che non sente la pressione e con un 2 su 2 porta la gara al supplementare.

Nell’overtime le due formazioni si fronteggiano testa a testa, alternandosi al comando fino a quando il più giovane e il più “vecchio” non decidono di dare la svolta: il giovane è Fucili Mario (solo da qualche giorno diventato maggiorenne) che mette a segno tre tiri liberi fondamentali mentre il “vecchio” altro non è che Roberto Tortolini (classe ’68). Gli aggettivi per riassumere la sua gara non li abbiamo trovati quindi facciamo parlare le cifre: 6 punti su 9 nel supplementare, 34 punti finali, 12/12 ai liberi, 6 falli subiti, 10 rimbalzi.

Dare i meriti di questa vittoria solo a Mario e Roberto sarebbe però riduttivo: la vittoria è di Severini e Cruciani che ci sono voluti essere a tutti i costi nonostante i problemi fisici, di Ortenzi, Potenza, Giuliani che nonostante frequentino l’università ad Ancona e Perugia fanno enormi sacrifici per essere presenti agli allenamenti di Callea, Rossi e Massaccesi che pur di far parte di questo stupendo gruppo sono disposti ad accollarsi anche delle spese, di Magrini che si è integrato immediatamente mettendo a disposizione dei compagni la sua immensa classe e strapotenza fisica, di Grillo, Buttafuoco e Valeri che nonostante siano utilizzati meno degli altri non saltano un allenamento e incitano la squadra per tutti e 40 i minuti, di Foglia e Della Rocca ai box per infortunio, di coach Sparapassi, del suo assistente Roccetti e del preparatore atletico Rocci che si comportano da veri professionisti.
Tutti però dobbiamo essere consapevoli di non aver raggiunto nessun obiettivo, di conseguenza da domani di nuovo a testa bassa in palestra, approfittando della pausa per recuperare gli acciaccati e lavorare per limare gli errori che ancora sono tanti.

Fochi Pollenza - Amatori San Severino 74-77 dts

Pollenza: Gentilucci, Ottocento 17, Selami 12, De Marco 6, Luciani C. 6, Mazzoleni R. 14, Borsella 4, Palmieri 9, Cingolani 4, Cerescioli, Mari 2, Mazzoleni G.. All. Luciani N.

San Severino: Giuliani, Tortolini 34, Severini 7, Massaccesi, Potenza 5, Rossi 2, Grillo ne, Ortenzi 2, Fucili 7, Cruciani, Callea 2, Magrini 18. All. Sparapassi

Parziali: 13-18, 24-21, 17-13, 14-16, 6-9.
Progressivi: 13-18, 37-39, 54-52, 68-68, 74-77.
Usciti per 5 falli: Cingolani e Cerescioli (Pollenza)

Arbitri: De Angelis e Tranquilli

Fonte: ufficio stampa Amatori San Severino

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: