Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Poderosa Montegranaro, coach Ciani ''Primo tempo di ottimo livello, pagato un deficitario 3° quarto''

Queste le parole di coach Ciani nella sala stampa del PalaCarnera al termine della gara che ha visto la Poderosa Montegranaro cedere ai padroni di casa dell'APU Udine:

«La partita ha avuto una spaccatura grande più o meno come il Grand Canyon all’intervallo. Abbiamo fatto vedere due primi quarti di buonissimo livello, per alcuni tratti abbiamo avuto anche maggiori lucidità e presenza dei nostri avversari, rispettando il piano partita che avevamo preparato in una settimana, anzi due, parecchio difficili sotto il profilo degli infortuni. Ci siamo allenati praticamente sempre senza i due playmaker e i due centri, a parte il sabato. E quindi diventa ancora più difficile preparare una partita contro una squadra tattica e di qualità come Udine in 40 minuti di 5 contro 5. Ma al di là di queste problematiche, con le quali dobbiamo convivere, nel terzo quarto abbiamo avuto tanta leggerezza nel momento in cui Antonutti con i suoi quattro canestri ha spaccato la partita.

Poi quando Udine prende un vantaggio così importante diventa difficile rintuzzare. O fai le cose sempre per bene oppure arrivi al secondo errore che abbiamo commesso oggi e che ci capita spesso di fare: che la giocata individuale ci porti a risolvere i problemi della squadra. Accettando una sfida individuale contro una squadra della caratura di Udine non potevamo venirne a capo. Dovevamo riprendere quel canovaccio che avevamo avuto all’inizio ma non siamo riusciti a farlo. Poi nel finale abbiamo fatto qualcosa, ma è servito solo a rendere più degno numericamente il divario. Ancora una volta abbiamo un quarto deficitario, nel quale cadiamo mani e piedi senza saper riuscire ad avere una reazione e sprechiamo quanto di buono facciamo. E non è poco».

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: