Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Sutor Montegranaro cede nel finale ed il derby se lo prende la Janus Fabriano

Oramai è diventata una prassi consolidata in questo campionato, le gare della Sutor, soprattutto se giocate alla Bombonera, possono nuocere gravemente ai deboli di cuore. È stato così anche nel derby tutto marchigiano contro la Ristopro Fabriano dove la gara si è decisa solamente nelle battute finali dove però a festeggiare sono stati i ragazzi di coach Pansa con intorno una fantastica cornice disegnata dalle due caldissime tifoserie. Archiviata la vittoriosa trasferta di Ozzano, la Premiata era chiamata a confermarsi ancora una volta contro un avversario di alto profilo come Fabriano che, oltre ai tanti elementi di valore, è arrivato al palas veregrense con tanti tifosi a seguito che hanno riempito e colorato il settore ospiti.

Al di là della partita sugli spalti è stato puro spettacolo grazie alle due tifoserie che si sono ritrovate dopo i fasti di un tempo, rinsaldando così una vecchia amicizia e sostenendo incessantemente i propri ragazzi dal primo minuto alla fine. Prima della palla a due entrambe le squadre sono scese sul parquet della Bombonera esibendo lo striscione recante lo slogan: #noviolenzacontroledonne, frutto dell’iniziativa promossa in settimana dalla Lega Nazionale Pallacanestro, insieme alla Pallacanestro Crema, che ha come obiettivo quello di sensibilizzare contro la violenza di genere e diffondere una cultura a sostegno dei diritti della persona e del rispetto delle donne.

Lo starting five di coach Ciarpella ha visto scendere in campo Caverni in cabina di regia con ai lati Francesco Ciarpella e Lupetti mentre Panizieri-Polonara hanno agito sotto le plance. Il match si apre con i primi due punti di Radonjic, la Sutor risponde subito con Panizeri ma sono poi gli ospiti a portarsi sul 7 -2. La prima mini fuga biancoazzurra viene subito però disinnescata dopo metà quarto da una bomba di Panzieri prima e Ciarpella poi che siglano il primo vantaggio del match di 13-12. Fabriano reagisce ma sul finire del quarto è ancora una tripla, stavolta di Villa,a regalare ai gialloblù il primo quarto che termina 17-15. Il secondo periodo inizia con un Del Testa che innesca il recupero ospite che però viene arginato dal tiro da tre di Lupetti ma per i biancazzurri sale in cattedra tutta l’esperienza di Luca Garri che rimette in carreggiata i suoi.

La Sutor non si fa impressionare e a ridare fiato al pubblico gialloblù è Jovovic che con un bomba dall’angolo da nuova linfa alla manovra sutorina. Proprio il montenegrino è l’autore del canestro di chiusura del primo tempo, prima dell’intervallo lungo che si conclude con la Premiata in vantaggio 33-28. Nella seconda parte di gara ci si aspetterebbe la reazione ospite che arriva con il canestro del 35-35 di Merletto dopo appena due minuti. I gialloblù reggono la pressione della Ristopro e provano a farsi avanti con Caverni ma da li in poi la partita si inizia a giocare punto a punto con le due difese che si comportano molto bene. Garri ricuce e Del Testa mette la tripla del sorpasso per Fabriano ma la Sutor risponde con un grande Ragusa sotto canestro e la tripla di Villa che confezione il controsorpasso gialloblù a 30’’ dalla fine sul 53-51.

Gli ultimi dieci minuti sono al cardiopalma e iniziano con Panzieri che mette la bomba del +5 e Fabriano nei primi 4 minuti sembra non averne più e quando prova a rimettersi in gara viene ricacciata dalla Bomba di Villa a 6’ dal termine. Da quel momento però la Ristopro inizia a ragionare grazie alla qualità e all’esperienza dei suoi uomini come Garri e Merletto che prendono per mano la squadra e punto dopo punto ricuciono lo svantaggio. Per la Premiata solo Villa rimane su di giri e in vece per Fabriano le cose iniziano a girare per il verso giusto e, complice i tanti errori sotto canestro dei gialloblù, riesce a piazzare il break decisivo che gli vale due punti importantissimi al termine di match tirato e intenso dove le due squadre se la sono giocata a viso aperto per tutti i 40 minuti.

Sale a 14 punti la Ristopro Fabriano e rimane a 10 la Sutor Premiata Montegranaro ma per i ragazzi di coach Ciarpella ci sarà poco tempo per rimuginare su questa sconfitta perché domenica prossima saranno attesi da un match, molto importante in chiave salvezza, sul parquet di Teramo.

Sutor Premiata Montegranaro - Ristopro Fabriano 72-76 (17-15, 16-13, 20-23, 19-25)

Sutor Premiata Montegranaro: francesco Villa 21 (3/5, 4/9), Alessandro Panzieri 12 (3/4, 2/7), Michele Caverni 11 (5/11, 0/4), Valerio Polonara 8 (4/6, 0/1), Riccardo Lupetti 5 (0/2, 1/7), Jacopo Ragusa 5 (2/6, 0/0), Matija Jovovic 5 (1/1, 1/1), Francesco Ciarpella 3 (0/0, 1/2), Michele Tremolada 2 (0/2, 0/0), Riccardo Di angilla 0 (0/0, 0/0), Niccolo' Lucangeli 0 (0/0, 0/0), Francesco Palmieri 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 14 - Rimbalzi: 24 6 + 18 (Alessandro Panzieri 7) - Assist: 13 (Michele Caverni 4)

Ristopro Fabriano: Daniele Merletto 20 (5/8, 1/4), Luca Garri 19 (3/5, 1/1), Niccolò Petrucci 11 (2/3, 2/3), Maurizio Del testa 9 (1/5, 2/4), Francesco Paolin 8 (3/5, 0/3), Todor Radonjic 6 (3/5, 0/0), Angelo Guaccio 3 (1/4, 0/0), Francesco Fratto 0 (0/2, 0/0), Luigi Cianci 0 (0/1, 0/0), Leonardo Pacini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 22 / 32 - Rimbalzi: 37 7 + 30 (Todor Radonjic 12) - Assist: 9 (Niccolò Petrucci 4)

Fonte: ufficio stampa Sutor Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: