Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Robur Osimo, German Sciutto si presenta ''Darò il massimo per far vincere la squadra''

- Ciao German, benvenuto ad Osimo!
"Grazie, un saluto a tutti!"

- Finalmente domenica potrai esordire in campionato al PalaBellini, davanti ai tuoi tifosi, come ti senti e cosa senti di dire a tutti gli osimani..
"Si, Finalmente domenica potrò giocare e non vedo l’ora, il basket è la mia vita. Voglio dire a tutti gli osimani che vedranno un German Sciutto che darà il massimo per far vincere la squadra perché voglio dare il mio contributo per farla arrivare più avanti possibile! spero che i tifosi diventino il giocatore in più in campo perché ho visto in passato e so che il pubblico osimano è molto caldo."

- Cosa ha pensato quando è arrivata la chiamata di Osimo?
"Non me lo aspettavo perché era difficile tornare in Italia. Appena mi hanno chiamato mi è tornata in mente la partita disputata contro Osimo quando giocavo a Ragusa: la partita si è giocata in un altro palazzetto ma ricordo la tanta gente e la tifoseria osimana. Ho fatto questa scelta perché so che è una città che ama il basket e vengo dare il meglio di me per questa città."

- Cosa spinge German Sciutto a tornare in Italia, il fatto di rimetterti in gioco, ancora una volta con una nuova sfida...
"Perché Amo l’Italia e la pallacanestro.. in Italia ci si può allenare bene perché si gioca una volta a settimana, mentre in Argentina si gioca troppo. Il calore che che si riceve dalla tifoseria è simile a quello argentino. Ovunque vado per me è un ulteriore sfida perché ho ancora voglia di giocare e questa è la cosa più importante."

- Può averti motivato anche il fatto che un giocatore come Scola alla sua età sia venuto in italia? Hai avuto modo di conoscerlo?
"Vedere giocatori come Scola, in passato Ginobili, arrivare in Italia, è molto importante, perché rappresentano per noi argentini un punto di riferimento.. ho un ricordo di quando sono venuto la prima volta a giocare a Trapani, sono arrivato che l’Argentina stava giocando le Olimpiadi ed io ero lì con i compagni di squadra a guardare le partite insieme. Alla fine la nostra nazionale vinse quella manifestazione, e questo secondo me, ha aperto le porte a molti giocatori perché da quel momento tutte le squadre hanno cominciato a comprare giocatori argentini che a parer mio si contraddistinguono con la grinta che mettono sempre in campo. Scola rappresenta un modello da seguire. Non lo conosco bene personalmente, ma ho avuto modo di giocare con lui, una volta ad una partita di addio al Basket di Leonardo Martín Gutiérrez, un giocatore della selecciòn Argentina che vinse l’olimpiade, ed ho avuto la fortuna di parlare con lui ed ho capito che è veramente una bravissima persona oltre che molto generosa."

- Hai avuto un passato importante in Italia con diverse squadre in A2, ma ricordi di aver affrontato Osimo in quegli anni quando eri a Ragusa?
"Si si, Ricordo che era stata una bella partita, tosta, e mi sembra che avevamo perso! Ricordo il palazzetto che però non era questo di adesso, ma si percepiva lo stesso il calore del pubblico osimano."

- La tua esperienza in Italia in Argentina a confronto.. Come vedi le due realtà, e se l’Italia può “rubare” qualche cosa all’Argentina..

"Io sono un giocatore che vuole allenarsi bene e poi giocare. Penso che in argentina si gioca molto e ci si allena poco. Io sono migliorato molto quando sono venuto qua, ho avuto tanti allenatori bravi che hanno tirato fuori il meglio di me. Penso che sia un ottimo posto per migliorare perché qua ci sono bravi professionisti su tutti i fronti, che ti seguono costantemente, sia fisicamente che tatticamente.."

- Sappiamo che sei seguito moltissimo dall’Argentina, sopratutto hai 3 fan speciali, tua moglie e i tuoi 2 figli.. che messaggio vuoi mandargli..
"Loro tre sono stati grandi, perché non è facile venire qua da solo e lasciare la famiglia in Argentina. Sono stati molto bravi perché mi hanno detto subito che potevo tornare in Italia, ho 2 figli, Isabella di 8 anni e Lorenzo di 9 e mi hanno detto: tu vai in Italia che poi noi ti raggiungiamo! Speriamo che possano venire a febbraio. Li amo da morire e mi mancano molto ma questo è il mio lavoro e sanno quanto lo amo, hanno fiducia in me e li ringrazio per tutto questo. Gli mando un bacio grande."

- Un invito a tutti i tifosi per la partita di Domenica contro Perugia?
"Speriamo che la gente domenica ci accompagni in campo e ci supporti perché abbiamo bisogno del loro supporto! Forza Robur!"

Grazie German!

Fonte: ufficio stampa Robur Basket Osimo

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: