Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Pallacanestro Senigallia beffata in volata sul campo della Raggisolaris Faenza

“Volli, volli, fortissimamente volli”. Basta questa frase per fotografare i quaranta minuti della Rekico contro la Goldengas Senigallia, mostratasi un’ottima squadra e mai doma come nelle previsioni. I Raggisolaris brillano dal lato del collettivo mandando cinque giocatori in doppia cifra, hanno qualche calo di concentrazione (dal +10 si ritrovano in parità nell’ultima quarto), ma non perdono mai lucidità, mostrando di volere a tutti costi conquistare questi preziosi due punti per la classifica. La missione è stata compiuta con successo dovendo ancora fare a meno di Klyuchnyk, fermo per il solito problema alla schiena.

Ottimo avvio di gara per la Rekico che dal 2-5 passa a condurre 18-7, grazie ad un attacco puntuale e all’ottima circolazione di palla. La Goldengas si affida a Gurini, terminale offensivo micidiale e autore di 26 punti, e questo sarà il leitmotiv dell’incontro fino alla fine. Quando Faenza prova la fuga è infatti la guardia a riportare i suoi in partita soprattutto con i tiri da tre, ed è proprio ciò che accade alla fine del primo periodo, quando gli ospiti ricuciono il gap fino al 18-22. Un equilibrio che dura anche nella seconda frazione nonostante i Raggisolaris provino ad andare in fuga e così all’intervallo si arriva con i padroni di casa avanti 39-38.

Al rientro in campo la Rekico cresce soprattutto a rimbalzo, mantenendo una decina di carambole in più conquistate rispetto agli avversari, e Tiberti diventa il terminale offensivo di una squadra che gira a meraviglia e che difende con grande pressione. Con queste premesse il 66-56 di inizio ultimo periodo è la più logica delle conseguenze, ma ancora Gurini riporta l’equilibrio e a 1’40’’ dalla fine il tabellone vede la perfetta parità: 71-71. Si decide quindi tutto al fotofinish. A 20’’ dalla sirena Anumba segna un libero (75-73) poi Tiberti spende un intelligente fallo non essendo ancora Faenza a a bonus, dando palla a Senigallia con 8’’ da giocare. La Goldengas consegna palla a Paparella che scaglia allo scadere la tripla del possibile sorpasso, ma il pallone finisce sul ferro e poi viene catturato da Tiberti. La Rekico può così esultare per una meritata quanto fondamentale vittoria.

Rekico Faenza - Goldengas Senigallia 75-73
(22-18; 39-38; 61-58)

FAENZA: Marabini ne, Anumba 13, Rubbini 13, Oboe 10, Wang ne, Zampa 5, Calabrese, Tiberti 19, Bruni, Klyuchnyk ne, Sgobba 15, Petrini ne. All.: Friso

SENIGALLIA: Pierantoni 7, Paparella 7, Giacomini 5, Caroli 9, Gurini 26, Valentini 3, Cicconi Massi 7, Moretti, Pozzetti 9, Maiolatesi ne. All.: Foglietti

ARBITRI: Cirinei e Attard

Luca Del Favero
Photo Credits: sito internet Raggisolaris Faenza

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: