Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Porto Sant'Elpidio Basket ed Admo-Avis insieme per ''schiacciare'' la pedofilia

Serata dal forte impatto emotivo quella che si è svolta ieri presso la Casa del Volontariato di P.S.Elpidio dove sport e sociale hanno rinsaldato un legame storico ed indissolubile. Porto Sant’Elpidio Basket, Sporting P.S.Elpidio, ADMO e AVIS tutti insieme per “schiacciare” la leucemia. Non a caso è stato usato il termine tanto amato dagli atleti e non a caso c’erano loro: il Porto Sant’Elpidio Basket di Serie B e la serie D Sporting di Mirko Romani, ex capitano biancoazzurro nonchè donatore AVIS.

Le testimonianze di Marta Viola, fotografa di 33 anni guarita dalla malattia grazie ad un trapianto di midollo osseo, altre due ragazze, ironia della sorte anche loro ex cestiste, una donatrice e l’altra ricevente hanno descritto con emozione tutti i passaggi: dalla diagnosi della malattia fino alla guarigione passando per le cure ed il trapianto.

L’attenzione in sala è stata massima, la vittoria che non muove la classifica del campionato ma quella delle coscienze è arrivata. Sei dei nostri ragazzi al termine di oltre due ore di emozioni si iscrivono al registro donatori e diversi chiedono di entrare a far parte del mondo AVIS.

“Una vittoria che fa morale” si dice quando si vince una partita , quella di ieri potrebbe aver salvato la vita di qualcuno.

Per maggiori informazioni:

Pagine Facebook “ADMO Porto Sant’Elpidio” e “AVIS PSE – Porto Sant’Elpidio”.

Area Comunicazione Porto Sant’Elpidio Basket

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: