Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Aurora Jesi, Riccardo Casagrande ''Fabriano squadra tosta, noi faremo di tutto per poter gioire insieme ai nostri tifosi''

Il derby più atteso. Dopo dieci anni l’Aurora riabbraccia la sfida più sentita dalla propria tifoseria, quella contro Fabriano. Reduci da due momenti diversi, il match del PalaGuerrieri si preannuncia incandescente ma, allo stesso tempo, tanto complicato quanto importante. La sconfitta in quel di Montegranaro, infatti, ha fermato a due la striscia vincente di Jesi che, dopo il successo su Chieti, cercava continuità e un acuto che poteva farla arrivare in condizioni diverse a questo difficile incrocio. Dall’altra parte, infatti, oltre a esserci una rivale storica, c’è soprattutto una corazzata che, con la sconfitta di Cento a Rimini, è diventata per giunta capolista solitaria. Prima di addentrarsi nel prossimo derby però, capitan Casagrande analizza la sconfitta arrivata domenica scorsa:

“A Montegranaro purtroppo non abbiamo avuto la continuità necessaria per tutti i quaranta minuti: all’inizio abbiamo giocato bene, sia in attacco che in difesa, poi però, nella seconda parte, ci siamo disuniti troppo. Se, poi, finisci sotto di quindici punti su un campo come la Bombonera è difficile ricucire il gap contro una squadra che fa dell’intensità, dell’entusiasmo e dell’atletismo la sua arma migliore”. Un’analisi lucida che evidenzia già la strada da intraprendere in vista della sfida alla Ristopro, altro match in cui il fattore ambientale sarà sicuramente notevole: “Giocare in campi del genere è sempre stimolante e molto emozionante, è un derby sentito quindi ci sarà tanto calore intorno – continua Casagrande –. Io, però, nonostante il carico emotivo che c’è, credo che dovremo affrontarla con consapevolezza, come se sia semplicemente un’altra partita. Di sicuro dovremo acquisire l’energia che non c’è stata contro Montegranaro e buttarla in campo in un’occasione del genere”.

Un alto valore emotivo, dunque, da gestire contro una squadra dal grande valore: “Assolutamente. Giocheremo contro una squadra tosta, non a caso è quanto emerge anche guardando la classifica: sono una squadra lunga, copertissima, con tanta qualità in tutti i ruoli e soprattutto con un fulcro centrale come Luca Garri – chiosa Casagrande –. Insomma una formazione molto efficace e determinata, ma noi abbiamo dimostrato che possiamo far bene anche contro gli squadroni”. Un’occasione in cui anche i tifosi saranno decisivi in un’atmosfera già molto calda da tempo come questa: “A loro dico solo una cosa: venite e stateci vicino che noi faremo di tutto per poter poi gioire insieme”. Una settimana relativamente tranquilla ma intensa quella dell’Aurora che, a cavallo dei due derby, è trascorsa senza particolari problemi, eccezion fatta per la consueta gestione di Micevic, ancora alle prese con qualche fastidio al ginocchio. Continua la prevendita dei biglietti acquistabili sulla piattaforma di Live Ticket (https://www.liveticket.it/janusbasketfabriano) o presso il punto vendita Onorati Sport di Via Luconi 8 a Jesi.

Palla a due del match fissata alle ore 18 al PalaGuerrieri agli ordini dei signori Andrea Andretta di Udine e Matteo Roiaz di Muggia (TS). Prima del match ci sarà un momento di ricordo voluto da entrambe le società per Antonio Ninno, storico presidente del vecchio Fabriano Basket, scomparso nei mesi scorsi a causa di un male incurabile. Janus e Aurora effettueranno una donazione all’Associazione Sergio Luciani Onlus attiva nella ricerca contro le leucemie.

Fonte: ufficio stampa Aurora Jesi


 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: