Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Dinamo Sassari, coach Pozzecco ''Nell'abbraccio dei miei ragazzi il più grande attestato di stima, sono straordinari''

l commento a caldo di coach Gianmarco Pozzecco dopo la vittoria dei suoi ragazzi al PalaVerde si apre con i complimenti per gli avversari: “Questa sera Treviso ha messo l’anima in campo e credo sia un segnale importante per voi. Erano anni che non tornavo a Treviso e, prima di commentare la partita, ci tengo a sottolineare che è stata un’emozione perché quando ho giocato a pallacanestro questa era una piazza dove era bello e altrettanto difficile venire a vincere. Abbiamo fatto un percorso in parallelo con la Benetton e ho esordito qui in serie A. Sono contento per questa città perché avete dimostrato come pubblico, società e organizzazione di meritare la serie A ed il ritorno di questa piazza nella principale ribalta cestistica è positivo per tutto il movimento”.

Il tecnico biancoblu ha quindi analizzato la partita partendo da un episodio: “Quando ho preso il tecnico i miei ragazzi sono venuti ad abbracciarmi e in quel momento avrei potuto smettere di allenare: questi sono segnali che contano più di tutto, e l’attestato di stima dei miei ragazzi è assolutamente fuori classifica. Ho finito gli aggettivi per descriverli, sono straordinari e li ringrazio infinitamente”.

Sulle chiavi della partita: “Per me la transizione difensiva è importante ed è un aspetto su cui lavoriamo molto. Ho avuto altri allenatori che facevano molto affidamento su una buona transizione difensiva anche perché quando vai avanti è normale che la squadra avversaria tenda a correre ma se riesci, magari dopo una palla persa, ad avere la leggerezza di continuare a giocare e rientrare in difesa resti in controllo. Siamo stati bravi perché, anche quanto Treviso ha messo tre triple di fila, abbiamo continuato a giocare con la stessa faccia e la stessa modalità la nostra pallacanestro. Generalmente ci affidiamo molto al gioco interno ma oggi siamo stati molto bravi sul perimetro, complice anche la buona difesa veneta sui nostri lunghi. Sono contento della mia squadra, c’è grande altruismo e i ragazzi si passano la palla volentieri: la più grande virtù di un giocatore deve essere la volontà di passare la palla”.

Fonte ufficio comunicazione Dinamo Banco di Sardegna

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: