Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

L'Aurora Jesi riparte dal derby contro il Porto Sant'Elpidio Basket. La carica di Mattia Magrini

L’ultimo dei sette derby e anche l’impegno che segna il giro di boa di questo campionato. A distanza di quasi un mese dall’ultima uscita all’UBI Banca Sport Center contro Chieti (che coincide anche con l’ultima vittoria arancioblù), l’Aurora torna tra le mura amiche e chiude il trittico di derby contro il fanalino di coda Porto Sant’Elpidio. Reduce dalla stoica prestazione contro Fabriano, vittoriosa solo all’ultimo istante, Jesi dovrà rimettere in campo quello spirito e quella voglia di vincere dentro una sfida che cela non poche insidie, a partire dal cambio di guida tecnica con il ritorno sulla panchina elpidiense di Marco Schiavi. Con lo spirito del PalaGuerrieri questa Aurora può giocarsi tranquillamente le sue fiches.

“La partita di Fabriano, innanzitutto, è stato un match bellissimo da giocare – esordisce la guardia aurorina Mattia Magrini –, sono quelle sfide che ti emozionano e che hanno un valore aggiunto: è stupendo, per un giocatore, scendere in campo in queste circostanze e con un pubblico così. Per questo, bisogna soltanto ringraziare, specialmente i tifosi di Jesi che sono venuti in tantissimi facendoci sentire per tutti i 40’ il loro calore; anche grazie a questo noi non abbiamo mai mollato in campo perché il loro supporto è fondamentale. Dal punto di vista tecnico e tattico, è stata senza dubbio una partita dai due volti: per due quarti siamo stati dominati e siamo sprofondati anche a -18, negli altri due, invece, abbiamo imposto la nostra legge a Fabriano sfiorando il colpaccio.

E, alla fine, la vittoria ce la meritavamo, specie dopo una prestazione come quella di terzo e quarto quarto dove, con la difesa, li abbiamo praticamente disarmati e resi vulnerabili. È vero, in attacco abbiamo sprecato più di quanto potessimo e dovessimo, però abbiamo rimontato da -18 e siamo arrivati a prenderci l’ultimo tiro per vincere. Brava Fabriano, ma per me meritavamo noi: nel girone di ritorno ci rifaremo”. Una disamina lucida e consapevole di quanto fatto al PalaGuerrieri, in positivo e in negativo. Ma all’alba di questo 2020 non è possibile guardarsi indietro perché il prossimo avversario è già alla porta e la strada per la risalita passa obbligatoriamente da questo incrocio con Porto Sant’Elpidio:

“Il 2019 è finito e l’imperativo è lasciarci alle spalle quanto successo finora – continua il numero 99 jesino –. Dal derby contro Borsato e compagni inizia un nuovo campionato perché noi non abbiamo più chance di sbagliare. In questo momento dobbiamo solo stringerci e compattarci: abbiamo dimostrato di potercela giocare con tutti, Fabriano e Cento sono i due indizi maggiori visto che sono le prime della classe, ma dobbiamo rifarci da subito”. E quel subito coincide, appunto, con Porto Sant’Elpidio che, anche per Magrini, è avversaria da prendere comunque con le molle: “La loro classifica non dice assolutamente il vero (attualmente sono ultimi a due punti da Teramo, penultima, ndr) e per giunta hanno appena cambiato allenatore, il che gli darà una motivazione extra in questo scontro. Perciò, sin da questo match, dovremo essere solidi, tosti e non dobbiamo più sbagliare nulla; proprio Porto Sant’Elpidio, per questo, sarà un bel banco di prova, contro una formazione tosta e con ottime individualità. Cosa fare? Semplice, mettere subito in chiaro le cose perché noi vogliamo fare a tutti i costi i playoff!”.

Una pausa quella natalizia in cui l’Aurora, a parte le Festività, non si è mai fermata, disputando anche un interessante e proficuo scrimmage contro la lanciata Falconara, reduce da 4 vittorie consecutive nel campionato di C Gold marchigiana. Due settimane in cui, inoltre, non si sono registrati particolari problemi, eccezion fatta per la consueta gestione di Micevic e di Migliori. Appuntamento quindi al consueto orario delle 18.00 all’UBI Banca Sport Center agli ordini dei signori Alberto Giansante di Siena e Andrea Fabiani di Livorno.

Fonte: ufficio stampa Aurora Jesi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: