Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

VL Pesaro, Luciano Amadori ''La nostra è una società sana. Sul mercato non darei il via libera a nessuna cessione''

Parla Luciano Amadori, Presidente del Consorzio Pesaro Basket ha rilasciato una lunga intervista al Resto del Carlino, nella quale ha trattato diversi temi, non negando l’addio al club a fine stagione. Per ciò che riguarda la società Amadori ha ribadito ancora una volta che "La nostra è una società sana, con tutti i conti a posto: tutto è in chiaro. Oggi nessuno può vantare nulla e tutti sono pagati regolarmente."

Smentita anche una possibile proposta di cessione ricevuta dalla società biancorossa la scorsa estate: "Non so chi vi abbia raccontato di queste cose perché non è assolutamente vero nulla e sono anche pronto ad un confronto pubblico. Se qualcuno avesse chiesto la società non solo era gratuita, ma le dico sinceramente che gli avrei anche pagato la cena."

Per quello che riguarda il mercato invece l'imprenditore pesarese ha sottolineato che "Per quello che mi riguarda non sono dell’opinione di dare il via libera a qualche giocatore per incassare magari qualche soldo. Per quello che mi riguarda si va avanti con l’attuale organico e credo che sia la cosa più giusta anche nei confronti di tutti coloro che hanno sottoscritto gli abbonamenti"

Buttando uno sguardo al futuro, invece, Amadori ha tenuto a dire che ''C’è il nostro impegno di arrivare fino alla fine conservando la società per la sua storia e per la città. Mi sono preso questo impegno ma io faccio un’altra professione e cioè sono un industriale. Non sono un politico e quindi l’ultima cosa a cui penso è mantenere la poltrona. Io il Consorzio non l’ho preso con un contratto a vita. Questo non è il mio mestiere."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: