Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

L'Olimpia Milano prende il largo nell'ultimo quarto e supera la De'Longhi Treviso

L’Olimpia esplode, si sblocca nel quarto periodo in cui apre una voragine di 24 punti, battendo Treviso 91-67. Prima aveva sofferto contro una squadra coriacea, aggressiva che aveva usato la sua velocità, l’assetto con quattro esterni per restare aggrappata alla partita o anche avanti nel punteggio. La difesa di Milano è salita nettamente di tono nella ripresa, tenendo l’avversaria a 26 punti. Alla ricerca di continuità, l’Olimpia ha avuto una prestazione di grande solidità da Arturas Gudaitis, un grande crescendo da parte di Kiefer Sykes e proseguito nell’utilizzo di Paul Biligha da secondo lungo, in una giornata in cui sono state protette le condizioni fisiche di Sergio Rodriguez e Vlado Micov (ma alla lunga anche Luis Scola è stato risparmiato. Da segnalare il ritorno di Nemanja Nedovic, sia pur con minutaggio contenuto.

IL PRIMO TEMPO – Milano parte un po’ confusa, perde un paio di palloni, si lascia sfuggire due rimbalzi e si espone al quintetto piccolo di Treviso, in cui Parks e Alviti sono le due ali e sul primo va a difendere Scola. L’Olimpia usa l’argentino vicino a canestro: sono suoi sei dei primi otto punti della squadra. Ma con i cinque di David Logan e i sei di Isaac Fotu, Treviso resta avanti. Con la tripla in transizione di Nikolic scatta avanti 14-8. Dopo sei minuti, sotto 19-11, Coach Messina spende il primo time-out. Al rientro, giocando con Biligha da 4, l’Olimpia alza il livello della difesa e piazza l’8-0 del pareggio, con due liberi di Nedovic, un gioco da tre di Gudaitis e una tripla di Cinciarini su assist di Nedovic. Treviso ha una buona risposta e con un libero di Cooke e un mezzo gancio di Tessitori chiude il primo periodo avanti 22-19.

L’Olimpia impatta tre volte, prima con una tripla di Brooks, poi con le iniziative di Gudaitis (nove nel primo tempo). Dopo 4:30 del secondo quarto, dalla lunetta, Sykes firma il primo vantaggio di Milano. Qui le squadre si sorpassano a vicenda, con Treviso che trova due triple allo scadere con Imbrò e Parks (10 nel primo tempo). L’Olimpia alimenta il dinamismo di Tarczewski che schiaccia due alley-oop e segna otto punti nel secondo quarto, macchiato solo da tre errori dalla lunetta. Treviso ne approfitta per impattare ancora e chiudere 41-41.

IL SECONDO TEMPO – L’Olimpia parte con Brooks da 3 e costruisce subito quattro punti di vantaggio, con la tripla di Scola. Treviso però risponde con due triple consecutive di Davide Alviti, torna avanti nel punteggio e convince Messina a usare subito un time-out. Al rientro, Sykes mette due liberi e Scola la seconda tripla per un nuovo 5-0 di parziale. Coach Menetti si gioca Fotu con tre falli e ottiene subito il controparziale di 8-0 che scava cinque punti a favore di Treviso. Dalla linea, Gudaitis impatta una volta ancora a quota 55 quando Biligha lo affianca nella front-line di Milano. Gudaitis genera il nuovo vantaggio che poi Biligha con una stoppata siderale su Fotu e Sykes con una rubata e canestro allo scadere rinforzano sul 61-56 della fine del terzo periodo.

All’inizio del quarto, Moraschini quattro punti consecutivi fabbricando un inedito vantaggio di nove punti. Il parziale è spezzato da una tripla di Logan, poi Sykes e Cinciarini toccano la doppia cifra di vantaggio. E qui l’Olimpia esplode: la tripla di Sykes dopo un rimbalzo d’attacco di Gudaitis vale il più 15 improvviso con sei minuti da giocare. Il distacco raggiunge i 19 punti, così Coach Messina può anche svuotare la panchina. Ma Milano non si ferma: Della Valle segna dalla media, Brooks da tre in transizione e poi anche Burns. Finisce così 91-67.

Per i tabellini e le statistiche complete CLICCA QUI

Fonte: ufficio stampa Olimpia Milano
Photo Credits: pagina Facebook Legabasket Serie A

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: