Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Il Campetto Ancona riceve la Raggisolaris Faenza in una gara da non fallire

Sfida verità per il prosieguo della stagione della Luciana Mosconi Ancona. Per la 20 giornata di campionato, 5°atto del girone di ritorno, i bianconeroverdi di coach Rajola affrontano la Rekico Faenza nella terza partita in una settimana. Dorici reduci da tre sconfitte di fila e bisognosi come non mai di punti per alimentare una classifica ancora negativa. Nelle più recenti uscite la squadra ha disputato due buone prove contro avversarie di prima fascia come Rimini e Civitanova. Ma i consensi non fanno classifica e così Ferri e soci sono ancora a quota 10 in classifica e sempre a due lunghezze da chi oggi sarebbe fuori dalla zona playout. La sfida contro i romagnoli di coach Friso rappresenta dunque un match chiave. In caso di vittoria la Luciana Mosconi si troverebbe ad agganciare la perdente dello scontro diretto tra Senigallia e Montegranaro e quindi a compiere un passo importante in avanti. Un nuovo k.o interno complicherebbe ulteriormente le cose in casa dorica.

La Rekico Faenza arriva ad Ancona dopo la bella vittoria interna contro Chieti ottenuta sul proprio campo. Terzo successo su quattro partite del girone di ritorno (4 ultime 6) che rafforza la posizione dei manfredi che con 18 punti sono immediatamente a ridosso di quell’ottava piazza che chiude il treno per i playoff. Faenza ha finora ottenuto 7 delle sue 9 vittorie stagionali in casa. Lontano dal PalaCattani i faentini hanno vinto a Rimini e a P.S.Elpidio nella prima di ritorno. Spiccata attitudine casalinga quindi per un squadra che fa dell’intensità il proprio marchio di fabbrica e che già all’andata mise alle corde la Luciana Mosconi (69-49 per Faenza in una gara da dimenticare per Ancona praticamente mai in partita e sotto anche di 27 punti nel corso del match).

La squadra di Friso si basa sull’esperienza del suo metronomo Giovanni Bruni, classe ’81 e regista fidato del coach che lo ha voluto con lui in estate dopo averlo allenato a Barcellona Pozzo di Gotto nella prima parte della stagione 17-18. Con il play toscano altra buona dose di esperienza è portata da Giorgio Sgobba confermato in questa stagione dopo essere arrivato dall’A2 di Scafati nel febbraio 2019. Il resto della squadra è pura freschezza, energia e talento dei tanti giovani che popolano il roster. Da alcune settimane è arrivato da Lucca Marco Petrucci, ala-guardia del ’92 pronto a dare manforte alla causa della Rekico. Altri elementi importanti sono il lungo Edoardo Tiberti, l’atletico Simon Amunba e il centro ucraino ma di formazione italiana ed ex Ozzano Dimitri Klyuchnyk (all’andata 19 punti per lui). Riescono a avere buon minutaggio e ad incidere anche i classe ’99 Michele Rubbini, Mattia Zampa e il 2000 Francesco Oboe.

La Luciana Mosconi ha lavorato con buona intensità nei tre giorni tra la trasferta di Civitanova e la nuova partita casalinga. In gruppo è rientrato anche Matteo Redolf, fermo l’ultima settimana causa influenza. Tutti a disposizione quindi per coach Rajola che confida anche nel buono stato di forma fisica della squadra per tornare alla vittoria che manca da 3 giornate. Appuntamento al Palarossini, domenica 2 febbraio ore 18.00. Arbitri dell’incontro Davide Quadrelli di Cassano Magnano (Va) e e Roberto Fusari di S.Martino Siccomario (Pv).

Fonte: ufficio stampa Campetto Basket Ancona

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: