Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Nota della società Ascoli Basket in merito ad un provvedimento del giudice sportivo

Riceviamo e pubblichiamo questa nota dell'Ascoli Basket relativa ai provvedimenti del giudice sportivo contenuti nel comunicato n° 263 del 20.01.2020 (LEGGI QUI IL COMUNICATO):

La storia è sempre la stessa. Le Società che cercano di andare avanti tra mille peripezie e la FIP che cerca in tutte le maniere di farti stufare con balzelli assurdi che hanno il solo scopo di togliere soldi alle società. Multati di euro 100.00 perchè il dottore si è presentato 17 minuti prima dell'inizio della gara e non 20 minuti prima come prevede il regolamento. Da ridere, o da piangere per la puntualità con la quale il Comitato Regionale Marche applica alla lettera il regolamento, senza un minimo di senso logico.

Da ridere o da piangere con quale puntualità gli arbitri "riportano"un ritardo di 2 minuti, o un calzino non in "tinta" con l'uniforme senza poi distinguere un'infrazione di passi. Ovviamente non èper i 100 euro in se e per se,ma per la mancanza totale di buon senso che a volte fa passare la voglia di andare avanti. Ora magari leggendo questo "sfogo", arriverà un'altra sanzione da chi dovrebbe rappresentare tutti, e invece usa spesso due pesi e due misure. Sarà pur vero che il regolamento va rispettato, ma che colpa ha una società se un dottore non trova parcheggio e comunque arriva ampiamente prima dell'inizio della gara. Suvvia signori un pò di buon senso.

Fonte: ufficio stampa Ascoli Basket

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: