Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Poderosa Montegranaro sconfitta da Ferrara, ma l'ultima decisione arbitrale grida vendetta

Che smacco. Un contestatissimo non-fischio arbitrale sul tiro della possibile vittoria di Thomas condanna la XL EXTRALIGHT® alla terza sconfitta consecutiva, aprendo le porte alla vittoria della Feli Pharma Ferrara. Un successo nel complesso meritato dagli emiliani, che hanno a lungo condotto il match. Ma la Poderosa ha avuto il grande merito di crederci fino in fondo, guadagnandosi con un cuore enorme la possibilità di acciuffare il successo all’ultima curva. La pala della serata ce l’ha avuta in mano l’assoluto mattatore gialloblu, Thomas. Per l’arbitro non c’è alcun contatto falloso sul suo tiro da 3 a una manciata di secondi dalla sirena e ai gialloblu non resta che l’amaro in bocca per una sconfitta che, però, è maturata nel corso di una gara non proprio brillante da parte della squadra di coach Di Carlo.

Parte forte la XL EXTRALIGHT®, che trova in Thomas e Cucci i suoi fari e allunga subito sul +7 (18-11 al 6’). Le difese lasciano a desiderare e la Poderosa subisce soprattutto nel pitturato, dove Fantoni e Baldassarre fanno male alla retroguardia gialloblu. Sul finire del primo quarto Ferrara sorpassa e con Delas e Berti a caricarsi di falli prematuramente i veregrensi fanno fatica a tenere la scia. La prima piccola spallata il Kleb la dà appena prima del riposo lungo con una tripla di Ebeling (39-44 al 19’) ma la Poderosa rischia di sprofondare per davvero al rientro dagli spogliatoi. Baldassarre spinge i suoi fino al +11 (50-61 al 27’) e la partita sembra prendere un indirizzo preciso, anche perché è vero che la Feli Pharma non riesce a chiudere i conti nel quarto periodo, ma la Poderosa non fa mai l’impressione di poter davvero ritornare sotto.

Tutto cambia quando di minuti da giocare ne restano solo due e Ferrara è avanti di 9 (67-76). Delas da sotto firma il nuovo -7, sul ribaltamento di fronte Vencato perde palla e Bonacini prima infila dalla media il canestro del -5, poi ruba palla direttamente dalla rimessa e piazza la tripla che, con più di un minuto da giocare, riapre clamorosamente i giochi (74-76). Fantoni in area trova i due punti che ridanno fiato al Kleb, ma con le spalle al muro Thomas si inventa una tripla da fantascienza per l’incredibile -1 (77-78) con 18” da giocare. Timeout Ferrara, rimessa in zona d’attacco biancoblu e Marulli spende il fallo su Panni. L’esterno estense segna il primo ma non il secondo, rimbalzi di Cucci che arma subito Thomas.

La guardia americana attacca Vencato, si arresta e si alza per la tripla della possibile vittoria. La mano del play ospite sembra toccare in maniera evidente il braccio di Thomas, il cui tiro infatti non vede nemmeno il ferro. Baldassarre a rimbalzo evita ogni altro guaio ai suoi. Esulta la Feli Pharma, le proteste di tutto il PalaSavelli per un ultimo fischio che lascia tanti dubbi non possono cambiare granché: il ko tiene la XL EXTRALIGHT® nel limbo tra playoff e playout. E domenica a San Severo arriva uno scontro diretto che pesa e neanche poco.

XL EXTRALIGHT® MONTEGRANARO - FELI PHARMA FERRARA 77-79
MONTEGRANARO: Miani ne, Angellotti ne, Morichetti ne, Conti 4, Cortese ne, Delas 12, Bonacini 16, Marulli 5, Berti 2, Thomas 28, Cucci 10, Serpilli. All.: Di Carlo

FERRARA: Wiggs 10, Vencato 5, Fantoni 15, Ramazziotti ne, Baldassarre 24, Panni 1, Buffo, Casella 4, Campbell 9, Ebeling 11. All.: Leka

PARZIALI: 25-28, 14-16, 16-19, 22-16.

Fonte: Ufficio stampa Poderosa Pallacanestro Montegranaro
Photo Credits: Alfonso Alfonsi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: