Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Upr Montemarciano, coach Luconi ''Dovevamo vincere per confermarci secondi, ma battere il Loreto non è stato facile''

L'Upr Montemarciano supera la Loreto Pesaro e conferma il secondo posto in classifica riducendo a soli due punti il distacco dalla capolista Todi. L'analisi della gara nelle parole di coach David Luconi:

"Queste gare come quella contro il Loreto Pesaro, dove parti decisamente favorito, sono le peggiori perché hai solo da perdere e se ti distrai rischi di andare sotto non riuscendo poi a riprenderle in mano. Abbiamo dimostrato di avere gli attributi e questo mi soddisfa perché lo reputo un segno di grande maturità da parte di tutto il gruppo. Dovevamo vincere per continuare la corsa al 2° posto e siamo scesi in campo consapevoli che Todi aveva perso a Tolentino e che quindi, vincendo, avremmo ridotto a 2 i punti distacco dalla vetta; soprattutto, però, ottenendo il successo interno avremmo allungato il vantaggio sull'Acqualagna che era uscita sconfitta da Umbertide.

Siamo partiti bene come avevo chiesto pagando però lo scotto nel 2° quarto quando il Loreto Pesaro ha trovato grande continuità dall'arco dov'è sia gli esterni (sempre pericolosi) che i loro lunghi atipici, come Terenzi, sono riusciti a infilarci ripetutamente. Nel 3' quarto ci siamo risistemati, prendendo un vantaggio importante giocando in maniera solita; vantaggio che non abbiamo saputo gestire al meglio nel finale perdendo qualche pallone di troppo e permettendo al Loreto Pesaro di rimanere in partita nonostante la nostra vittoria, onestamente, non sia mai stata in discussione.

Pessime le nostre percentuali ai liberi nel 1° tempo quando ne abbiamo sbagliati 9 ossia troppi, specie considerando che abbiamo chiuso i primi 20' con 42 punti segnati a dimostrazione dell'efficacia che abbiamo avuto nelle soluzioni offensive. Il Loreto Pesaro c'aveva messo in difficoltà anche all'andata quando l'avevamo vinta ai supplementare e la squadra dell'amico coach Mancini ha dimostrato anche stavolta di essere in crisi solo di risultati ma non certo di gioco. Noi venivamo da un periodo in cui abbiamo giocato partite molto difficili proprio come lo sono state tutte in questo avvio di girone di ritorno ed eravamo un po' stanchi, anche mentalmente, specie in alcuni uomini chiave; pertanto questa sosta non ci può che far bene perché servirà a rimetterci in sesto permettendoci di lavorare al meglio anche dal punto di vista agonistico.

Al momento abbiamo 6 punti di vantaggio sul quinte in classifica e lo sconto diretto favorevole e non posso che ribadire come riuscire ad arrivare tra le prime quattro sia un grandissimo risultato per una squadra neopromossa, in gran parte nuova e che ha perso un giocatore molto importante lo scorso novembre emergenza alla quale il gruppo ha reagito senza colpo ferire e sapendosi riassestare al meglio."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: